Salute

Non vedo, non sento ma adesso comunico

La ricerca della Lega del Filo d'Oro per le persone sordocieche.

Le persone sordocieche o quelle con grave deficit visivo o uditivo, spesso accompagnato da altri problemi di salute e da disabilità cognitive o motorie, riescono oggi a entrare in contatto col mondo esterno più facilmente grazie alla tecnologia. Per esempio una volta c'era bisogno di un ingegnere che predisponeva l'utilizzo di un ausilio mediante congegni complessi e costosi; oggi le soluzioni sono più semplici e meno costose anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet». Patrizia Ceccarani, direttore tecnico-scientifico della Lega del Filo d'Oro, la Onlus che da oltre 55 anni si occupa di assistenza, riabilitazione e inclusione di queste persone, spiega come la democratizzazione della tecnologia e il suo veloce progresso in vari campi siano tra le chiavi del successo per migliorare l'interazione di queste persone con l'ambiente circostante. 

Tecnologie comuni. Queste forme di disabilità molto gravi non prevedono soluzioni standard o facili per tutti e devono essere spesso tagliate su misura, ma molto può essere ottenuto grazie a tecnologie ormai di uso comune come i sensori di prossimità: «Li usiamo per esempio per orientare l'utente con scarso residuo visivo o uditivo in vari ambienti: quando lo smartphone si avvicina a questi sensori, viene emesso un suono o una luce che riescono a indicare il percorso. Oppure si possono mettere sensori RFID o NFC in oggetti che, riconosciuti grazie al tatto e avvicinati a uno smartphone, consentono a una persona con un minimo di udito residuo di fare una telefonata oppure di ascoltare la musica». Sono solo alcuni esempi tra i tanti delle soluzioni, spesso geniali, approntate ad Osimo dal Centro di Ricerca della Lega del Filo d'Oro per stimolare l'apprendimento e l'autonomia delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. Tecnologie che poi sono utilizzate anche negli altri centri  di Lesmo, Modena, Molfetta e Termini Imerese.

Queste soluzioni hanno una solida base scientifica e sono frutto di una assidua ricerca che la Lega del Filo d'Oro porta avanti da anni: nel 2019, la Onlus ha pubblicato 7 articoli su riviste scientifiche internazionali e ha promosso seminari come la conferenza ATAD sulle tecnologie assistive, il principale evento a livello internazionale sullo sviluppo e la valutazione di nuovi programmi basati sulle tecnologie assistive, in cui i maggiori esperti e ricercatori hanno presentato le più importanti innovazioni in questo campo. «L'evoluzione tecnologica per fortuna è dalla parte delle persone sordocieche», dice Ceccarani, «e se già l'impianto cocleare permette a molti di udire il linguaggio verbale, le ricerche sull'occhio bionico sono abbastanza avanzate per regalare un certo ottimismo».

Nelle immagini qui sotto alcune delle tecnologie utilizzate dalla Lega del Filo d'Oro.

Esistono tastiere progettate appositamente per persone con disabilità motorie, cognitive o visive. Tra queste le tastiere espanse, in cui i tasti sono molto più grandi di quelle standard, a volte anche più distanziati fra loro. © Lega del Filo d'Oro
Le immagini scorrono sullo schermo del pc, la persona le lascia passare, finché arriva l’attività che desidera: a quel punto schiaccia un grosso pulsante e blocca l’immagine. La possibilità di scelta è un elemento importante per la qualità della vita. © Lega del Filo d'Oro
Con il display Braille o riga Braille è possibile utilizzare le applicazioni informatiche più comuni: dalla videoscrittura alla posta elettronica, dall’utilizzo dei social network alla navigazione in internet. © Lega del Filo d'Oro
Click4all risponde ai movimenti intenzionali più semplici. Lo si usa anche per la fisioterapia: la musica suona fintanto che la bambina resta in piedi alla spalliera toccando il sensore posizionato sul piolo. Gli obiettivi? Incentivare i movimenti intenzionali e la capacità di scelta. © Lega del Filo d'Oro
16 novembre 2020 Marco Consoli
Tag scienza - salute -
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us