Salute

Niente panico: arriva l’influenza

Anche quest’anno sta per arrivare nel nostro continente l’influenza. Secondo l’ OMS si presenterà in una forma nuova per la quale non abbiamo ancora sviluppato gli anticorpi. Anche se sarà più facile esserne contagiati non sarà più grave o pericolosa del solito. (Alessandro Bolla, 10 ottobre 2008)

Cattiva, cattivissima, anzi feroce: sull’influenza in arrivo nei prossimi mesi si è detto (e scritto) di tutto. Spesso anche a sproposito. Ma sarà davvero così aggressiva? E cos’ha di diverso da tutte le altre influenze circolate fino ad oggi?
Abbiamo chiesto a Giuseppe Gerna, Direttore del Servizio di virologia della Fondazione IRCCS San Matteo di Pavia, di aiutarci a fare un po’ di chiarezza su questo argomento.
Cerchiamo intanto di capire cos’è l’influenza e come si diffonde. «L’influenza è un virus che attacca le vie respiratorie e che può dare sintomi come mal di testa e dolori articolari (le famose ossa rotte) a seguito di un’azione di tipo infiammatorio», spiega Gerna a Focus.it. Il virus si diffonde attraverso le vie aree e il contagio avviene per inalazione.

Tutta questione di ceppi
Ma perché l’organismo umano è così esposto all’attacco del virus influenzale? E perché, a seconda degli anni, la malattia si presenta in forma più o meno aggressiva?

VACCINO PER I PIÙ PICCOLI?

I risultati di uno studio condotto sull’efficacia del vaccino di due passati inverni (03/4 e 04/5) ha dimostrato che nei bambini di età inferiore a 5 anni non riduce né i ricoveri né le visite mediche.
Lo studio, condotto da Peter G. Szilagyi, dello Strong Memorial Hospital di Rochester, New York, ha analizzato 414 bambini ammalatisi di influenza in 3 città americane e li ha confrontati con altri 5 mila bambini di controllo che non si erano ammalati. L’analisi dei dati ha rivelato che la vaccinazione non aveva ridotto né i ricoveri né le visite. In parte anche perché il vaccino copriva effettivamente solo l'1% dei ceppi di influenza della prima stagione e il 36% dei ceppi della seconda.

Arch Pediatr Adolesc Med 2008;162:943-951.

Panico? No, Grazie.
«Questo non significa che la malattia sarà più grave o pericolosa rispetto agli anni passati» spiega Gerna, «ma solo che il contagio interesserà un numero più elevato di persone. I sintomi saranno sempre gli stessi: disturbi alle vie respiratorie, dolori articolari, febbre. Niente che, salvo complicazioni, possa impensierire più del necessario un adulto sano. Maggiori cautele vanno invece prese per proteggere le categorie a rischio come anziani e immunodepressi, per i quali è consigliabile ricorrere alla vaccinazione».

Più virus per tutti
E quest’anno, a dare man forte al nuovo virus di tipo B, ci sarà anche un nuovo virus di tipo A. E stato isolato per la prima volta a Brisbane, in Australia, circa un anno fa e si presenterà in due varianti. Non è mai circolato prima e questo fa pensare a una sua possibile massiccia diffusione.
Questi virus, le due varianti dell’australiano di tipo A e il B, che proviene dal Sud America, sono stati utilizzati per lo sviluppo del vaccino per la stagione 2008.

TI SEI LAVATO LE MANI?

Una buona igiene delle mani e una limitazione dei contatti con gli altri da parte di chi è malato può contribuire a proteggere dall'influenza. Recentemente l' ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control) ha valutato i risultati di alcune misure di protezione personali (non farmacologiche) utili per ridurre la trasmissione del virus dell’influenza, ed ha raccomandato le seguenti azioni:

1. Lavaggio delle mani (in assenza di acqua, uso di gel alcolici) Fortemente raccomandato

2. Buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare i fazzoletti e lavarsi le mani) Raccomandato

3. Isolamento volontario a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale Raccomandato

4. Uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologie influenzali, quando si trovano in ambienti sanitari (ospedali) Raccomandato.

14 ottobre 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us