Salute

È possibile neutralizzare un batterio e renderlo innocuo?

Un team dell'Università di Ginevra ha identificato il fattore che determina l'infettività di un batterio resistente a molti antibiotici ed è riuscito a neutralizzarlo.

Il Pseudomonas aeruginosa è un superbatterio che causa infezioni croniche e acute, potenzialmente fatali per chi ha un sistema immunitario indebolito. La forza del P. aeruginosa sta nella sua adattabilità e resistenza a molti antibiotici, cosa che lo rende difficile da curare: alcuni ricercatori dell'Università di Ginevra hanno provato ad aggirare questo problema sviluppando non un nuovo antibiotico, ma studiando il modo di neutralizzare il batterio, riducendone il potere infettivo. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Nucleic Acids Research.

Gli scienziati si sono concentrati sulle cosiddette RNA-elicasi, enzimi presenti nei genomi di quasi tutti gli esseri viventi (inclusi i batteri) che intervengono in molti processi riguardanti il metabolismo dell'RNA: «Volevamo capire quale fosse il ruolo delle RNA-elicasi del P. aeruginosa, in particolare in relazione alla patogenesi dei batteri (ovvero al modo in cui i batteri infettano l'ospite, ndr) e al loro adattamento all'ambiente», spiega Martina Valentini, uno degli autori.

Disarmati. Per farlo, gli studiosi hanno analizzato delle tarme della cera (Galleria mellonella), insetti spesso utilizzati in laboratorio per indagare il rapporto ospite-patogeno, osservando che, quando il batterio con il quale venivano infettate non aveva le RNA-elicasi, perdeva la sua forza infettiva. L'80% delle tarme contagiate con il P. aeruginosa non modificato moriva nel giro di 20 ore; al contrario, oltre il 90% delle tarme infettate dal batterio modificato sopravviveva. «I batteri modificati diventavano praticamente innocui, pur rimanendo vivi», sottolinea Stéphane Hausmann, capo dello studio.

Neutralizzare è meglio che uccidere. Ma invece di neutralizzare il batterio, non sarebbe meglio eliminarlo del tutto? La risposta è no, perché disattivare i fattori che rendono virulento un patogeno significa permettere al sistema immunitario dell'ospite (noi) di neutralizzare naturalmente il batterio, riducendo il rischio che il batterio sviluppi una resistenza agli antibiotici. «Se cerchiamo di uccidere i batteri a tutti i costi, questi si adatteranno per sopravvivere, mutando in ceppi più resistenti», spiega Valentini.

30 giugno 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us