Speciale
Domande e Risposte
Salute

I neonati urlano tanto per imparare a fare la cacca

Non è sempre colpa della fame o delle coliche: a far piangere i neonati sarebbe anche il meccanismo fisiologico per liberare l'intestino, che ancora non controllano.

È appena nato e piange, urla e si dispera: cosa avrà mai? No, non sono i dentini (troppo presto) e nemmeno le coliche (o comunque non solo quelle). Secondo Christina Shuja, puericultrice che coordina il programma Lifebridge Health Center for Happier Infants all'ospedale di Baltimora (Usa), a causare il pianto dei neonati nelle prime settiimane di vita sarebbe un meccanismo fisiologico: piangendo, imparano a espellere gli scarti dall'intestino.

Cosa mi tocca fare... Per fare la cacca, infatti, occorre coordinare due movimenti muscolari opposti: contrarre l'addome e contemporaneamente rilassare il pavimento pelvico. Si tratta di un movimento complesso, che alla nascita i bimbi non sanno ancora fare. Insomma, il loro pianto, oltre a essere un modo di comunicare con gli adulti, aiuterebbe proprio questo meccanismo, che in poco tempo diventerà naturale.

C'è poi un altro dilemma che fa perdere il sonno ai neo-genitori, ed è un dibattito aperto da molto tempo: i neonati urlanti devono essere sempre presi in braccio e consolati oppure, se non hanno evidenti bisogni (fame, cambio, colichette eccetera), è meglio lasciarli piangere finché non si calmano da soli?

Più coccole o meno? Un team di psicologi ha seguito la crescita di 178 bambini dalla nascita fino ai 18 mesi, valutando nel tempo la serenità dei piccoli durante il gioco e l'evoluzione dell'attaccamento tra madre e figlio. Alcuni genitori erano molto solleciti nel consolare sempre i figli, altri meno. Dagli studi, però, non è emersa alcuna differenza psicologica tra i bambini con i genitori "sempre pronti alla coccola" e quelli che venivavo lasciati piangere un po' di più.

5 novembre 2021 Raffaella Procenzano
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us