Salute

Natale: giochi da tavolo palestra del cervello, 6 motivi per 'allenarsi'

Roma, 24 dic. (AdnKronos Salute) - Dalla tombola al trivial. I giochi di società, compagni immancabili nelle riunioni natalizie, oltre che divertenti sono anche alleati del benessere del nostro cervello: rafforzano la memoria, aguzzano l'ingegno e stimolano l'intuito degli sfidanti, a tutte le età. Una vera e propria 'palestra'. Lo suggeriscono, su Humanitas Salute, gli esperti della struttura milanese.

"Il gioco, in tutte le sue forme - dice Elisabetta Menna, ricercatrice di Humanitas e dell'Istituto di neuroscienze del Cnr - è un eccezionale 'mental training'. Pensiamo solo a quanto è importante il gioco per la corretta maturazione del cervello dei bambini. Numerosi studi scientifici hanno evidenziato come il gioco sia in grado di aumentare le capacità di pianificazione, memoria, attenzione e ragionamento. Durante il gioco, a qualsiasi età, si apprendono nuove regole, nuove informazioni e nuove 'forme' mentali". Dall'infanzia alla terza età cambiano i giochi, ma non gli effetti. Dai giochi con le carte alla tombola, spesso sono le persone anziane a tenere banco nelle tavolate festanti di Natale. Anche per loro questi passatempi sono un toccasana per il cervello.

Grazie all'apprendimento di nuove regole, all'ideazione e alla messa in atto di strategie e all'intuizione, i giochi da tavolo stimolano il cervello. E ci sono 6 buoni motivi, secondo Menna, per allenarlo a Natale.

Ecco le 6 abilità che si consolidano con i giochi da tavolo:

1) La memoria, soprattutto quella a breve termine, chiamata 'memoria di lavoro', che utilizziamo per esempio nel gioco della tombola o delle carte per poter ricordare i numeri mancanti e coglierli rapidamente quando vengono estratti, ma anche per ricordare un numero di telefono mentre lo stiamo digitando;

2) La capacità di mantenere la concentrazione per non perdere i numeri. La concentrazione è uno dei requisiti essenziali per il buon funzionamento cognitivo;

3) La memoria verbale e quella visiva, per mantenere attivi gli schemi di gioco e prevedere le mosse successive;

4) La pianificazione e il ragionamento, per trovare la strategia migliore per avanzare nel gioco verso il miglior risultato;

5) I giochi da tavolo, compresi quelli con le carte, ma con più di due giocatori, arricchiscono le reti neurali, ovvero i legami tra le cellule, e stimolano i neuroni a prendere contatti tra loro, accrescendo importanti 'riserve' del cervello, cioè aumentando il numero di sinapsi (i punti di contatto tra cellule nervose attraverso cui passa l'informazione) e migliorando la loro funzionalità;

6) Infine, i giochi di società promuovono un aspetto fondamentale per la salute mentale: la socializzazione tra le persone.

A questo proposito, numerosi studi scientifici confermano che le persone che hanno una ricca rete sociale mantengono attive più a lungo funzioni cognitive, come il linguaggio, la memoria e il ragionamento, e rischiano meno di incorrere in malattie neurodegenerative, tipo la malattia di Alzheimer.

24 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us