Salute

Le microplastiche potrebbero aumentare il rischio di ictus e infarti (molto più di quanto si è letto)

Uno studio italiano individua un'associazione tra la presenza di microplastiche (e nanoplastiche) nell'organismo e l'aumento del rischio cardiovascolare.

La presenza di microplastiche e nanoplastiche in diversi organi del nostro corpo è ormai documentata da numerose ricerche scientifiche. Ora però, per la prima volta, viene individuata un'associazione fra questa forma di contaminazione interna e un effetto sulla salute. 

Microplastiche e nanoparticelle di plastica possono ostruire le arterie

Uno studio coordinato dall'Università della Campania Luigi Vanvitelli di Caserta, e pubblicato su New England Journal of Medicine, ha infatti scoperto che le nanoparticelle di polietilene e pvc possono accumularsi nelle placche che, ostruendo le arterie, minacciano la salute del cuore e dei vasi. «Se questo accade, il rischio di andare incontro a eventi come ictus e infarti, o alla morte, aumenta di quattro volte e mezza» spiega Francesco Prattichizzo, ricercatore all'IRCCS MultiMedica di Milano, fra gli autori dello studio.

Lo studio. La ricerca è stata condotta su 257 pazienti adulti e asintomatici, che fra il 2019 e il 2020 hanno subito una endoarterectomia carotidea, intervento che consiste nella rimozione delle placche aterosclerotiche dalla carotide, eseguito anche in assenza di disturbi se queste ostruiscono più del 70% del lume del vaso (il lume è lo "spazio interno", utille per il passaggio ndr).

Un'ipotesi lega le nanoplastiche all'aumento di rischi cardiovascolari (ma non stabilisce una relazione causa-effetto)

Le placche sono poi state osservate al microscopio elettronico ed esaminate con varie tecniche, per stabilire il grado di infiammazione. Nanoparticelle di polietilene sono state trovate nel 58% dei pazienti, e il 12% aveva anche frammenti di pvc. A distanza di 34 mesi, in questi soggetti si è osservato un aumento importante del rischio di eventi cardiovascolari e morte. 

Qual è il nesso. «Anche se lo studio non consente di stabilire una relazione di causa ed effetto, possiamo ipotizzare un possibile meccanismo che lega le nanoplastiche all'aumento del rischio cardiovascolare» continua Prattichizzo. «Infatti, la presenza delle particelle è associata anche a un incremento dell'infiammazione. Ed è proprio l'infiammazione che, rendendo fragili le placche, ne favorisce la frantumazione dando origine a ictus e infarti».

Ulteriori studi confermeranno se l'esposizione alle microplastiche è un ulteriore fattore di rischio cardiovascolare

Considerata l'onnipresenza di inquinamento da plastica nell'ambiente, lo studio è qualcosa di più che un semplice campanello di allarme. Lo sottolinea efficacemente l'editoriale che accompagna l'articolo, scritto da Philip J. Landrigan, direttore del Programma sulla salute globale del Boston College, che alla luce dei risultati si chiede: «Dovremmo considerare l'esposizione alle microplastiche e alle nanoplastiche come un ulteriore fattore di rischio cardiovascolare? E quali altri organi potrebbero essere colpiti?»

E adesso? Proprio per rispondere alla prima domanda, i ricercatori italiani stanno mettendo a punto altri studi che confermino quanto trovato.

«In particolare», conclude  Prattichizzo, «stiamo progettando ricerche che includano un numero maggiore di soggetti. E dovremo anche trovare un metodo per misurare in modo più preciso l'esposizione alle microplastiche».

7 marzo 2024 Margherita Fronte
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us