Salute

Menopausa e vampate di calore: in arrivo il primo farmaco non ormonale

La FDA statunitense ha approvato un medicinale che interviene sui meccanismi neurali all'origine di "caldane" e sudorazioni notturne da menopausa.

Un medicinale che contrasta le vampate di calore, uno dei sintomi più fastidiosi della menopausa, è stato appena approvato dalla Food and Drug Administration statunitense. La particolarità del prodotto che sarà venduto col nome di Veozah è quella di non essere un farmaco ormonale, come quelli finora usati per ridurre questi disturbi. Agisce infatti direttamente sui circuiti cerebrali all'origine delle vampate e delle sudorazioni notturne.

Menopausa: che cos'è. La transizione verso la menopausa è una fase fisiologica della vita di ogni donna che si presenta in genere tra i 45 e i 55 anni (ma in alcune donne può iniziare anche prima). La produzione degli ormoni sessuali estrogeni e progesterone da parte delle ovaie diventa irregolare e inizia a diminuire, fino a quando il ciclo mestruale non sparisce del tutto. La menopausa inizia "ufficialmente" dopo almeno 12 mesi dall'ultima comparsa del ciclo, e da questo momento in poi cessa anche la fase fertile della vita di una donna.

Caldo improvviso. Questo passaggio è caratterizzato da una costellazione poco piacevole di sintomi tra cui mal di testa, affaticamento, disturbi della memoria e - soprattutto - vampate di calore che sembrano inondare tutta la parte superiore del corpo, accompagnate da eccessiva sudorazione, arrossamenti del viso, talvolta giramenti di testa e tachicardia. Questi disturbi possono interferire con le normali attività quotidiane, e quando compaiono di notte compromettono la qualità del sonno.

Terapie ormonali. Per molti decenni alle donne che accusavano i disturbi più gravi da menopausa è stata prescritta una terapia ormonale sostitutiva (TOS), che consiste nell'assumere estrogeni e progesterone per compensare la ridotta produzione degli ormoni da parte dell'organismo. Tuttavia, questi farmaci prevedono tra i possibili effetti collaterali un aumento delle probabilità di ictus, trombosi venosa e cancro al seno: sono in genere quindi riservati alle pazienti in menopausa precoce e alle donne con sintomi più debilitanti o che vivono questo passaggio in maniera molto negativa.

Come agisce il medicinale. Il nuovo farmaco prodotto dall'azienda giapponese Astellas Pharma, blocca il legame tra un neurotrasmettitore - la neurochinina B - e il neurone kisspeptina/neurochinina/dinorfina (KNDy), un tipo di cellula nervosa incaricata di mediare la dissipazione del calore. È infatti il cervello, in particolare con i neuroni dell'ipotalamo, ad agire come centro termoregolatore del corpo umano, e il Veozah riesce a modulare l'attività di questi neuroni, sregolata dal calo degli estrogeni.

I benefici. Nei test clinici il farmaco ha ridotto la frequenza delle vampate di calore di circa il 60% nelle donne che ne avevano di moderate o gravi ogni settimana, rispetto a una riduzione del 45% nelle pazienti che hanno ricevuto un placebo.

Il medicinale ha anche lenito l'intensità delle "caldane" e migliorato la qualità del sonno notturno.

Perché è importante. L'approvazione del farmaco è una buona notizia per tutte le donne che finora sono state costrette a gestire senza grandi alternative sintomi spesso debilitanti. È anche una prima rivincita della cosiddetta medicina di genere, quella cioè che tiene conto dell'influenza delle differenze biologiche sullo stato di salute di ogni persona.

Una conquista recente: basti pensare che gli studi sulla regolazione della temperatura corporea da parte dei circuiti cerebrali è stata per decenni condotta soltanto su topi maschi. Capire come questo si traduca sulle persone, e in particolare su quelle di genere femminile, è quindi ancora una questione aperta, e per questo sono allo studio anche altri farmaci diretti verso altri recettori di neurotrasmettitori simili.

23 maggio 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us