Salute

Melanoma, entro due anni potrebbe arrivare un vaccino sperimentale?

Speranza dai trial di un vaccino terapeutico dell'azienda Moderna, che unito a un altro farmaco sembra proteggere dalle ricadute di melanoma.

Un candidato vaccino a mRNA contro le forme ad alto rischio di melanoma, una delle forme più aggressive di tumore della pelle, sta continuando a dare risultati promettenti e potrebbe avviarsi verso un processo di approvazione accelerato già nel 2025. Il preparato si chiama mRNA-4157/V940 ed è un vaccino sperimentale a mRNA sviluppato dall'azienda farmaceutica Moderna. Sfrutta la stessa tecnologia adoperata per i vaccini anti-covid, ma è stato studiato per indurre il sistema immunitario a generare una risposta contro specifici tumori.

Cucito su misura. Questo potenziale vaccino è un esempio di medicina personalizzata perché è progettato a partire dal genoma del tumore di ogni paziente: si individuano così le mutazioni specifiche contro le quali va istruito il sistema immunitario, così da codificarle nella "ricetta" dell'mRNA del vaccino (per approfondire: come funziona un vaccino a mRNA).

Accoppiata vincente. In un trial clinico di fase 2 il vaccino è stato somministrato, insieme a un farmaco immunoterapico sviluppato dall'azienda Merck (Keytruda) a 147 pazienti reduci dall'asportazione di un melanoma di terzo o quarto stadio, le forme già avanzate e ad elevato rischio di ricaduta. La combinazione di medicinali ha ridotto il rischio di ritorno del tumore e di morte nei tre anni successivi del 49%, e abbassato quello di diffusione di cellule tumorali in siti distanti o di morte nei tre anni successivi del 62%, rispetto al trattamento con il solo farmaco Keytruda.

Siamo sulla strada giusta. Il vaccino sembra fornire aumentate probabilità di sopravvivenza mano a mano che passa il tempo: in alcuni risultati diffusi lo scorso anno, la riduzione del rischio di ricaduta e di morte era del 44%, mentre ora riguarda praticamente un paziente su due (mentre non sono aumentati gli effetti collaterali). I dati sono stati per ora soltanto comunicati da Moderna, ma non risultano ancora pubblicati su una rivista scientifica in peer-review.

Un vaccino come cura. A dispetto del nome, i vaccini terapeutici come questo non prevengono i tumori, ma li trattano, abituando però l'organismo a reagire all'"intruso". Moderna sta progettando un più ampio studio di fase tre su un migliaio di pazienti per il 2024, lavoro che potrebbe condurre - se i benefici fossero confermati - a un'autorizzazione per l'immissione in commercio condizionata.

Questa procedura usata anche per i vaccini anti-covid, consente il via libera di medicinali sulla base di dati clinici meno completi di quelli normalmente richiesti, nei casi in cui i farmaci rispondano a un bisogno medico non soddisfatto, curino una malattia rara o pericolosa per la vita o proteggano da una grave minaccia per la salute pubblica (e a patto che i benefici del prodotto superino i rischi e che le aziende si impegnino a fornire in tempi stringenti nuovi dati sui trial in corso).

Moderna ha dichiarato di stare inoltre lavorando a un vaccino simile contro il tumore polmonare non a piccole cellule. Anche altre compagnie come la BioNTech stanno sfruttando la tecnologia a mRNA per sviluppare vaccini anticancro.

19 dicembre 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us