Salute

Medicina: scompenso cardiaco, 1 italiano su 10 non sopravvive a primo ricovero

Roma, 29 set. (AdnKronos Salute) - Oltre 1 milione di persone in Italia soffre di scompenso cardiaco (prevalenza 1,7%) e 1 paziente su 10 non sopravvive al primo ricovero ospedaliero, come dimostrano i dati dello studio Arno, ricordati oggi a Roma. Nonostante lo scompenso cardiaco provochi un numero di decessi 2-3 volte superiore rispetto ai tumori più diffusi, come quello all’intestino e al seno, se ne parla ancora molto poco. La campagna globale 'Keep it pumping - Ascolta il tuo battito', promossa da Aisc (Associazione italiana scompensati cardiaci) e sostenuta da Novartis, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica su tale problema, fornendo strumenti e risorse per consentire alle persone che convivono con lo scompenso cardiaco di gestire la propria patologia.

Circa 1 persona su 3 confonde i sintomi di questa patologia con i normali segni dell’invecchiamento. Lo scompenso cardiaco è dovuto ad un'alterazione della struttura e della funzione cardiaca che porta a un'insufficiente funzione di pompa del cuore. Gli organi e i tessuti ricevono quantità insufficienti di ossigeno per le loro esigenze metaboliche e ciò causa un accumulo di liquidi nei polmoni e nei tessuti.

Questa patologia cardiovascolare, a livello mondiale, è la prima causa di ospedalizzazione nelle persone sopra i 65 anni. Basti pensare che oggi metà dei pazienti muore entro 5 anni dalla diagnosi. Secondo i risultati del National Health and Nutrition Examination Survey, i principali fattori di rischio per lo scompenso cardiaco sono rappresentati da fumo di sigaretta (16%), ipertensione arteriosa (10%), obesità (8%), sedentarietà (9%) e diabete mellito (3%).

29 settembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us