Salute

Medicina: obesità, via libera Fda a 'pacemaker' spegni-fame

Dispositivo ricaricabile si impianta nell'addome e blocca segnali da cervello a stomaco

Milano, 15 gen. (AdnKronos Salute) - Un dispositivo ricaricabile, che si impianta chirurgicamente nell'addome e blocca i segnali nervosi inviati dal cervello allo stomaco per accendere la voglia di cibo. E' una sorta di pacemaker spegni-fame l'ultimo reclutato nella lotta all'obesità: il device 'Maestro', che negli Stati Uniti ha ricevuto il via libera dalla Food and Drug Administration. Potranno essere operati pazienti adulti con un indice di massa corporea fra 35 e 45, che oltre all'obesità presentano almeno un'altra malattia correlata (ad esempio il diabete di tipo 2) e nei 5 anni precedenti abbiano cercato almeno una volta di perdere peso sotto la supervisione di un medico, fallendo.

Il dispositivo è composto da un generatore che eroga impulsi elettrici intermittenti, e dai relativi cavi ed elettrodi. In uno studio durato un anno - riferiscono i media americani - 157 adulti obesi sottoposti all'impianto hanno perso l'8,5% di peso in eccesso in più rispetto a 76 pazienti sottoposti a un falso intervento. L'obiettivo del 10% non è stato raggiunto, ma un panel di esperti dell'agenzia regolatoria Usa ha concluso che i benefici dell'impianto superassero i rischi. Tra gli effetti collaterali più significativi nausea, dolore, vomito e complicazioni chirurgiche. Nello studio, circa la metà delle persone che hanno ricevuto Maestro, ha perso almeno il 20% dei chili di troppo e oltre un terzo più del 25%. Il device può essere ricaricato dal paziente e 'ritarato' dal medico.

L'azienda produttrice, EnteroMedics - riporta il 'New York Times' - conta di mettere a disposizione l'impianto nel 20% dei centri statunitensi entro la fine dell'anno. Il prezzo della procedura non è stato diffuso e le assicurazioni non hanno ancora deciso se coprirlo.

15 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us