Salute

Medicina: lo studio, Doc in carne e ossa batte app e 'Dottor Google'

Roma, 11 ott. (AdnKronos Salute) - Computer sempre più potenti, che utilizzano programmi sofisticati, stanno sfidando la supremazia umana in vari settori, dagli scacchi alla musica. Ma uno strumento diagnostico digitale, una app o un 'dottore virtuale', può essere assimilabile o addirittura superiore a un medico in carne e ossa? La risposta, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell'Harvard Medical School, è "non del tutto". Insomma, il medico reale batte ancora il 'Dottor Google'. E di parecchio.

Secondo l'analisi, pubblicata su 'Jama Internal Medicine', oggi la performance dei medici è enormemente superiore: i 'camici bianchi' fanno una corretta diagnosi oltre due volte più spesso di 23 app 'interpreta-sintomi' comunemente usate. Si tratta, dicono gli autori, del primo confronto diretto tra diagnosi al computer e quelle fatte dai medici in carne ossa. Gli errori diagnostici derivano dal mancato riconoscimento di una malattia o da una soluzione non tempestiva, ricordano i ricercatori. Ebbene, i medici fanno questi errori circa il 10-15% delle volte, dicono gli studiosi. Ma affidarsi a un medico virtuale non sembra molto conveniente.

Negli ultimi due decenni le checklist computerizzate e altre applicazioni digitali ad hoc sono state utilizzate sempre di più per ridurre gli errori terapeutici e semplificare i protocolli anti-infezione. Ultimamente, gli esperti si sono chiesti se i computer potrebbero contribuire anche a migliorare le diagnosi cliniche e ridurre gli errori diagnostici. Nel frattempo ogni anno centinaia di milioni di persone utilizzano programmi o app per controllare i propri sintomi od ottenere diagnosi fai da te. Ma quanto sono validi questi sistemi rispetto ai medici?

Nello studio, a 234 specialisti in medicina interna è stato chiesto di valutare 45 casi clinici, relativi a condizioni comuni e non, con vari gradi di gravità. Per ogni scenario, i medici hanno dovuto identificare la diagnosi più probabile, insieme a due ulteriori possibili diagnosi. Ogni esempio clinico è stato risolto da almeno 20 medici.

Ebbene, per la gioia della categoria, i medici coinvolti hanno sbaragliato le app, arrivando alla corretta diagnosi al primo colpo il 72% delle volte, rispetto al 34% del tempo per le piattaforme digitali. L'80% dei medici ha elencato la diagnosi corretta tra le prime tre possibilità, rispetto al 51% dei 'dottori digitali'. La differenza tra il medico e le app è stata maggiore per le condizioni più gravi e meno comuni. Mentre lo scarto si è rivelato ridotto per le malattie meno gravi e più comuni. Insomma, gli emuli di 'Dr. House' sbaragliano il 'dottor web'.

"Se i programmi per computer sono risultati chiaramente inferiori ai medici in termini di accuratezza diagnostica, sarà fondamentale studiare future generazioni di programmi più precisi", ha dichiarato il ricercatore Ateev Mehrotra, professore associato di politica sanitaria ad Harvard.

Nonostante superino le macchine infatti, anche i medici infatti fanno errori, e questo in circa il 15% dei casi. I ricercatori pensano che lo sviluppo di algoritmi computerizzati studiati per essere utilizzati dagli stessi camici bianchi possa aiutare a ridurre gli errori diagnostici. "La diagnosi clinica è attualmente tanto arte quanto scienza, ma vi è una grande promessa per la tecnologia che aiuti le diagnosi cliniche", ha detto Mehrotra. "Questo è il vero valore di questi strumenti". Insomma, l'ideale è che a usare app studiate ad hoc, in futuro, siano gli stessi medici.

11 ottobre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us