Salute

Medicina: lo studio, Doc in carne e ossa batte app e 'Dottor Google'

Roma, 11 ott. (AdnKronos Salute) - Computer sempre più potenti, che utilizzano programmi sofisticati, stanno sfidando la supremazia umana in vari settori, dagli scacchi alla musica. Ma uno strumento diagnostico digitale, una app o un 'dottore virtuale', può essere assimilabile o addirittura superiore a un medico in carne e ossa? La risposta, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell'Harvard Medical School, è "non del tutto". Insomma, il medico reale batte ancora il 'Dottor Google'. E di parecchio.

Secondo l'analisi, pubblicata su 'Jama Internal Medicine', oggi la performance dei medici è enormemente superiore: i 'camici bianchi' fanno una corretta diagnosi oltre due volte più spesso di 23 app 'interpreta-sintomi' comunemente usate. Si tratta, dicono gli autori, del primo confronto diretto tra diagnosi al computer e quelle fatte dai medici in carne ossa. Gli errori diagnostici derivano dal mancato riconoscimento di una malattia o da una soluzione non tempestiva, ricordano i ricercatori. Ebbene, i medici fanno questi errori circa il 10-15% delle volte, dicono gli studiosi. Ma affidarsi a un medico virtuale non sembra molto conveniente.

Negli ultimi due decenni le checklist computerizzate e altre applicazioni digitali ad hoc sono state utilizzate sempre di più per ridurre gli errori terapeutici e semplificare i protocolli anti-infezione. Ultimamente, gli esperti si sono chiesti se i computer potrebbero contribuire anche a migliorare le diagnosi cliniche e ridurre gli errori diagnostici. Nel frattempo ogni anno centinaia di milioni di persone utilizzano programmi o app per controllare i propri sintomi od ottenere diagnosi fai da te. Ma quanto sono validi questi sistemi rispetto ai medici?

Nello studio, a 234 specialisti in medicina interna è stato chiesto di valutare 45 casi clinici, relativi a condizioni comuni e non, con vari gradi di gravità. Per ogni scenario, i medici hanno dovuto identificare la diagnosi più probabile, insieme a due ulteriori possibili diagnosi. Ogni esempio clinico è stato risolto da almeno 20 medici.

Ebbene, per la gioia della categoria, i medici coinvolti hanno sbaragliato le app, arrivando alla corretta diagnosi al primo colpo il 72% delle volte, rispetto al 34% del tempo per le piattaforme digitali. L'80% dei medici ha elencato la diagnosi corretta tra le prime tre possibilità, rispetto al 51% dei 'dottori digitali'. La differenza tra il medico e le app è stata maggiore per le condizioni più gravi e meno comuni. Mentre lo scarto si è rivelato ridotto per le malattie meno gravi e più comuni. Insomma, gli emuli di 'Dr. House' sbaragliano il 'dottor web'.

"Se i programmi per computer sono risultati chiaramente inferiori ai medici in termini di accuratezza diagnostica, sarà fondamentale studiare future generazioni di programmi più precisi", ha dichiarato il ricercatore Ateev Mehrotra, professore associato di politica sanitaria ad Harvard.

Nonostante superino le macchine infatti, anche i medici infatti fanno errori, e questo in circa il 15% dei casi. I ricercatori pensano che lo sviluppo di algoritmi computerizzati studiati per essere utilizzati dagli stessi camici bianchi possa aiutare a ridurre gli errori diagnostici. "La diagnosi clinica è attualmente tanto arte quanto scienza, ma vi è una grande promessa per la tecnologia che aiuti le diagnosi cliniche", ha detto Mehrotra. "Questo è il vero valore di questi strumenti". Insomma, l'ideale è che a usare app studiate ad hoc, in futuro, siano gli stessi medici.

11 ottobre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us