Salute

Medicina: incubo Alzheimer non solo per anziani, attacca cervello già a 20 anni

La patologia inizia opera di demolizione molto più precocemente di quanto si pensava

Roma 2 mar. (AdnKronos Salute) - I primi segni invisibili del morbo di Alzheimer possono già manifestarsi in età molto precoce, anche a vent'anni. Lo stabilisce uno studio, pubblicato la rivista 'Brain' a firma della Northwestern University di Chicago, che cambia la prospettiva sulla malattia che si considerava legata ad un'età avanzata. Secondo gli scienziati - riporta il 'Daily Mail' - la proteina tossica che danneggia il cervello inizia la sua opera di demolizione in età giovanile, anche 50 anni prima che i sintomi si sviluppano. Ora la scoperta solleva la possibilità di intervenire con le terapie anche nelle primissime fasi di esordio della malattia. Ritardare infatti l'insorgenza del morbo di Alzheimer avrebbe un impatto enorme sulla vita del malati e dei loro cari.

I ricercatori hanno esaminato il cervello di persone anziane con e senza morbo di Alzheimer: hanno inoltre controllato i campioni prelevati da 13 persone di età compresa tra 20 e 66 anni decedute, ma che non avevano evidenziato problemi di memoria. I test hanno dimostrato che la proteina beta-amiloide, che distrugge le sinapsi del cervello e causa la malattia di Alzheimer, inizia la sua opera già in persone molto giovani. Secondo i ricercatori "la scoperta che la proteina beta-amiloide inizia ad accumularsi così presto è senza precedenti - osserva Changiz Geula, autore della ricerca - Sono necessarie però ulteriori ricerche per spiegare perché solo in una parte delle persone che hanno un accumulo di proteina beta-amiloide svilupperanno poi la malattia di Alzheimer".

2 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us