Salute

Medicina: esperti Lice su caso Cucchi, malati epilessia preoccupati

Non conoscendo forma che lo affliggeva impossibile valutare parere periti

Roma, 5 ott. (AdnKronos Salute) - Dopo le ultime notizie relative alla vicenda della morte di Stefano Cucchi, che hanno "creato notevole preoccupazione nella popolazione di soggetti che soffrono di epilessia", la Società scientifica italiana dell'epilessia (Lice) interviene con alcune precisazioni. "La morte improvvisa è un evento che si può verificare in qualsiasi persona nel corso della vita. E' un evento molto raro, più frequente nelle persone con epilessia (nelle quali assume l'acronimo inglese di Sudep), in particolare in certe forme della patologia e in alcune fasce di età. Occorre quindi non confondere il concetto di morte improvvisa - dicono gli esperti - con quello utilizzato in tutti i titoli di "Epilessia improvvisa", privo di significato dal punto di vista medico".

Inoltre il parere dei periti del Gip, "che avrebbero motivato la morte del signor Cucchi sulla base di una crisi epilettica - continuano gli specialisti - non può essere valutato in modo specifico da noi esperti di epilessia, non conoscendo di quale forma lo stesso soffrisse, i farmaci assunti in cronico, eccetera". Quanto alla Sudep, si tratta di una morte improvvisa, inaspettata, in paziente con epilessia, non traumatica e non dovuta ad annegamento, che si determini con o senza la presenza di testimoni, con o senza l’evidenza di una crisi epilettica, non dovuta a stato di male epilettico e in cui il riscontro autoptico non evidenzia alterazioni strutturali o tossicologiche responsabili della morte, si legge sul sito della Lice.

L’incidenza è diversa in rapporto al tipo di popolazione studiata e varia da 0,35casi/1000/ anno nei pazienti con epilessia di nuova insorgenza e nei pazienti in remissione a 3-9/1000/anno nei pazienti con epilessia cronica e refrattaria.

5 ottobre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us