Salute

Mantenersi in forma aumenta la materia grigia

Uno studio finlandese mette in relazione l'esercizio fisico e la massa del cervello.

L'esercizio fisico può essere associato ai cambiamenti nella struttura del cervello. Tradotto in linguaggio popolare, significa che l'attività sportiva (o il movimento in generale) ha un ruolo nel determinare cambiamenti non solo sul nostro corpo, ma anche sui volumi di materia grigia. Lo ha rivelato uno studio sui gemelli omozigoti condotto presso la University of Jyväskylä, in Finlandia. Si tratta della prima ricerca del genere a stabilire un legame (seppure ancora da esplorare) fra l'attività fisica e quella cerebrale.

La scelta vincente. Per la scienza, stabilire che qualcosa ha degli effetti a lungo termine sull'organismo è un compito arduo, perché entrano in gioco fattori altamente variabili, come il corredo genetico o il background di esperienze. La ricerca del gruppo finlandese, pubblicata su Medicine and Science in Sports and Exercise è stata quindi condotta su coppie di gemelli omozigoti, che condividono il medesimo Dna. Non solo: i gemelli sono stati selezionati con un criterio preciso: le loro abitudini, quanto ad attività fisica, dovevano essere molto simili durante l'infanzia, ma diverse in età adulta.

Il team di ricerca è riuscito a individuare 10 coppie di gemelli, nelle quali uno dei due ha mantenuto un livello di esercizio fisico elevato, mentre l'altro ha praticamente smesso di fare movimento. L'indagine si è appoggiata a FinnTwin16, un esteso database che raccoglie informazioni fisiche e mediche sui gemelli di tutta la Finlandia, aggiornato ogni 5 anni.

Glicemia e materia grigia. Gli scienziati hanno preso in esame i valori della glicemia (la concentrazione di glucosio nel sangue) e messo sotto la lente di ingrandimento la struttura dell'encefalo. Si è così scoperto che oltre ad aver sviluppato un fisico differente, i gemelli presentano delle divergenze in alcune regioni del cervello. Nonostante le consuetudini alimentari simili, il gemello più attivo della coppia mostra percentuali più basse di grasso corporeo e una maggiore efficienza nel regolare i livelli di zucchero. Inoltre, e qui sta la novità, possiede anche una quantità maggiore di materia grigia in due aree cerebrali, una delle quali risulta coinvolta nella coordinazione corporea.

Causa o effetto? Nel tempo, la scienza ha stabilito diverse connessioni fra attività fisica e salute complessiva del nostro corpo: sappiamo che l'esercizio determina cambiamenti nella chimica del cervello che hanno ricadute positive sull'aumento dell'autostima e sulla riduzione di ansia e depressione. In attesa di ulteriori approfondimenti, è ancora presto per concludere che uno stile di vita attivo sia la causa diretta delle modifiche nella struttura cerebrale, ma la ricerca finlandese getta comunque nuove prospettive sul rapporto cervello-movimento.

10 marzo 2015 Martino De Mori
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us