Salute

Perché ai bambini fa bene mangiare con le mani?

I bambini che possono mangiare prendendo il cibo con le mani instaurano fin dalla prima infanzia un migliore rapporto con il cibo. Che durerà per tutta la vita.

Non mangiare con le mani! È la frase che si tramanda di generazione in generazione quando i bambini sono davanti alla pappa: ma siamo sicuri che sia la cosa giusta da dire? Sembra di no: permettere loro di affondare le manine nel piatto e pasticciare per portare il cibo alla bocca (ovviamente con mani ben pulite) sembra che faccia molto bene alla salute psicofisica dei bimbi perché pone le basi per una futura sana ed equilibata educazione alimentare. Lo sostiene una ricerca condotta dall'Università di Nottingham, secondo la quale i bimbi piccoli che non sono costretti a usare il cucchiaio o le posate ma prendono il cibo con le mani instaurano un rapporto più diretto con tutti gli alimenti influenzando anche il rapporto con l'alimentazione che avranno per tutta la vita.

Gli scienziati hanno condotto un esperimento prolungato su 155 bambini tra i 20 mesi e i 6 anni e mezzo. A una parte dei piccoli è stata data un'alimentazione basata su pappe e simili preparati, serviti con le posate. Un altro gruppo invece è stato lasciato libero di mangiare con le mani piccole porzioni di carboidrati e di proteine. Quando poi è arrivato il momento di vedere gli effetti di questo esperimento, a tutti i piccoli sono stati proposti dolci e carboidrati oppure frutta e verdura.

Dolci o frutta? I bambini svezzati con gli omogeneizzati hanno scelto senza esitazione i dolciumi, mentre quelli abituati a usare le mani si sono lanciati spontaneamente verso frutta e verdura. Probabilmente - dicono gli autori dello studio - perché questi bambini "pasticcioni" non avevano alcun timore di toccare il cibo, e potevano quindi così godere le sensazioni che precedono il senso del gusto, quali l'olfatto, la vista e il tatto.

9 aprile 2023
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us