Salute

La mancanza cronica di sonno è l'anticamera della depressione?

Dormire sistematicamente meno di cinque ore a notte è legato a un rischio maggiore di sviluppare i sintomi della depressione negli anni successivi.

Dormire per lungo tempo meno di cinque ore a notte potrebbe aumentare il rischio di sviluppare depressione. Da tempo si sa che la carenza "cronica" di sonno è collegata ai sintomi depressivi, ma ora uno studio chiarisce meglio in quale direzione leggere questo rapporto. Una sistematica mancanza di riposo notturno sembrerebbe anticipare e rendere più probabile l'insorgere di depressione negli anni successivi. La ricerca è stata pubblicata su Translational Psychiatry.

In che ordine? «Abbiamo questa storia dell'uovo e della gallina tra una durata subottimale del sonno e la depressione», spiega Odessa Hamilton, ricercatrice di epidemiologia biocomportamentale dell'University College London e principale autrice dello studio. «Spesso si verificano in concomitanza, ma la questione su quale dei due venga prima è decisamente aperta. Sfruttando la suscettibilità genetica alle malattie abbiamo determinato che la mancanza di sonno probabilmente precede i sintomi della depressione, anziché l'opposto».

Un campanello d'allarme. Hamilton e colleghi hanno analizzato i dati genetici e sanitari di 7.146 persone di età media di 65 anni reclutate in uno studio di popolazione inglese, l'English Longitudinal Study of Ageing (ELSA). Hanno così scoperto che le persone che mostravano una più accentuata predisposizione genetica al poco sonno (dove per "poco" si intende meno di cinque ore a notte) erano anche più inclini a sviluppare i sintomi della depressione nei 4-12 anni successivi. Non era però vero il contrario, ossia, le persone con una maggiore predisposizione genetica alla depressione non mostravano di avere le carte in regola per sviluppare, in futuro, un'aumentata propensione a dormire troppo poco.

Un legame complesso. Per confermare i loro risultati, i ricercatori hanno anche osservato le associazioni non genetiche tra la carenza di sonno e i sintomi della depressione. In effetti, anche in questo tipo di analisi le persone che dormivano cinque ore o meno per notte mostravano di avere un rischio 2,5 volte più alto degli altri di sviluppare depressione.

Ma è anche vero che la depressione porta con sé anche disturbi del sonno: chi soffriva già di depressione era infatti in un terzo dei casi più soggetto (nell'immediato) a notti poco riposanti rispetto a chi non ne soffriva. Questo a parità di altre condizioni come livello di istruzione, ricchezza, attività fisica, abitudine al fumo e malattie croniche invalidanti.

Una giusta via di mezzo. Anche il troppo sonno è risultato associato a una maggiore probabilità di sviluppare in seguito depressione.

I partecipanti che dormivano sistematicamente più di nove ore a notte sembravano una volta e mezza più inclini a sintomi depressivi di coloro che dormivano in media 7 ore. Anche in questo caso non è vero il contrario: la depressione non è risultata correlata a una maggiore durata del sonno negli anni successivi, da 4 a 12 anni più tardi.

Prendere in mano la situazione. Hamilton precisa che tutto questo non implica che chi soffre di disturbi del sonno debba vedere come inevitabile la possibilità di ammalarsi di depressione. Lo studio va letto piuttosto come una conferma dell'importanza del sonno per la salute mentale. «Il mio consiglio è quello di evitare di procrastinare il momento del riposo. Esiste questo detto nella genetica, che i geni caricano la pistola e l'ambiente preme il grilletto. Si può essere geneticamente predisposti a questo, ma si può agire per mitigare il rischio».

23 ottobre 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us