Salute

Malattie rare: Giustozzi (Dossetti), manca una legge nazionale

Per i pazienti una corsa ad ostacoli

Roma, 7 nov. (AdnKronos Salute) - "Bisogna avere un confronto non tanto sulle parole ma sui fatti. Oggi il nostro Paese non ha una legge per le malattie rare e ha un piano nazionale delle malattie rare che è scaduto. La Francia è già al terzo". Lo afferma Claudio Giustozzi, segretario generale dell’Associazione Dossetti, da anni al fianco delle persone affette da malattie rare, intervenuto in Vaticano alla presentazione della XXXI Conferenza Internazionale sul tema: 'Per una Cultura della Salute accogliente e solidale a servizio delle Persone affette da patologie rare e neglette', in programma dal 10 al 12 novembre.

"Il malato raro – aggiunge Giustozzi - deve affrontare una vera e propria corsa ad ostacoli: diagnosi in ritardo, mancata presa in carico di numerose malattie o presa in carico a macchia di leopardo con malattie riconosciute in una Regione e non nell’altra". Una malattia si definisce rara, quando non supera 5 casi su 10 mila persone. Recenti studi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno stimato che le malattie rare attualmente riconosciute sono circa 8 mila, annoverando oltre 20 milioni di malati rari in Europa. In Italia invece i malati rari – in base ai dati forniti dalla rete Orphanet – sfiorano i due milioni. Il 70% di tutte le malattie rare è di pertinenza pediatrica. La Sindrome dell’intestino corto è una di queste, e nel nostro Paese colpisce circa 800 persone, tra cui 150 bambini.

"All’inizio del 2017 – afferma Giustozzi – festeggeremo i 15 anni della mancanza di una legge sulle malattie rare. Manca una norma che regoli la vita di tutti i giorni di questi pazienti. Nell’ultimo disegno di legge che abbiamo presentato sia alla Camera che al Senato, abbiamo richiesto un'Agenzia nazionale delle malattie rare che va al di là delle disuguaglianze regionali, e che dia le stesse risposte, in maniera univoca sul tutto il territorio nazionale".

7 novembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us