Salute

Malattie rare: esperti, dare risposte a 3 mln pazienti in legge stabilità

Diversi gli emendamenti, da farmaci innovati e orfani a nuovi Lea

Roma, 1 dic. (AdnKronos Salute) - Sono 3 milioni gli italiani con malattie rare (7-8mila le patologie che rientrano in questa classificazione). Pazienti, il 70% bambini, che spesso hanno difficoltà di accesso alla diagnosi e all'assistenza. Il costo complessivo per le malattie rare sostenuto dal Ssn è di 1,3 mld. Il tema della sostenibilità del sistema di fronte a nuove molecole, ai farmaci orfani e ai bisogni dei pazienti è stato al centro, oggi a Roma, del convegno 'Farmaci orfani e malattie rare', che ha riunito allo stesso tavolo esperti, istituzioni e associazioni dei malati. Sono proprio queste ultime a chiedere risposte concrete nella legge di stabilità, passata all'esame della Camera.

"Nella legge di stabilità c'è la revisione finanziata dei Livelli essenziali di assistenza - ha spiegato Emilia Grazia De Biasi, presidente della Commissione sanità del Senato, tra i relatori del convegno realizzato anche grazie al contributo incondizionato di Celgene - e c'è la novità sulle molecole innovative. E credo che i farmaci orfani potranno rientrare in questa categoria. Abbiamo svincolato dai tetti della farmaceutica ospedaliera e territoriale il fondo nazionale per i farmaci innovativi, che torna a essere nel Ssn".

Il problema della sostenibilità del Ssn verso nuove terapie che stanno arrivando, "può essere affrontata - ha osservato Mario Boccadoro, direttore del Dipartimento di oncologia dell'Azienda ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino - mettendo allo stesso tavolo i vari attori, dalle istituzioni ai pazienti alle aziende. Va evitato assolutamente che l'ultimo anello della catena, il medico, si trovi a essere l'ago della bilancia nei confronti del paziente. Oggi esistono farmaci che vanno usati in associazione e hanno una moltiplicazione dei costi assolutamente esponenziale. Ecco che nella legge di stabilità si devono aumentare le reti e le organizzazione regionali, in modo da avere un'uniformità dell'assistenza in tutte le zone del Paese". (Segue)

"E' chiaro che di fronte a 3 mln di pazienti una soluzione è obbligatoria - ha osservato Angelo Del Favero, direttore generale dell'Iss - si deve investire in questo campo perché se la malattia viene diagnosticata precocemente, abbiamo maggior successo nei trattamenti e meno costi economici e sociali".

Farmaci innovativi, nuovi Lea e finanziamenti certi sono i nodi che preoccupano le associazioni dei pazienti. Una risposta arriva dalla deputata Paola Binetti, presidente dell'intergruppo parlamentare sulle malattie rare: "Questa e' una legge di stabilita' che guarda alla sanità in maniera puntuale e su alcuni temi precisi. Sembra proprio che questa volta passerà la revisione dei Lea".

"Sappiamo che a livello parlamentare si sta lavorando per aggiornare la lista delle malattie rare esenti: ovvero l'allegato A della legge 279 del 2001, mai aggiornato e questa sarebbe una prima vittoria per i pazienti e un riconoscimento dei loro diritti - ha precisato Ilaria Ciancaleoni Bartoli, direttore responsabile di Omar, Osservatorio malattie rare - Un altro emendamento su cui stiamo vigilando, e speriamo non passi, e' quello che vorrebbe togliere l'esenzione dal 'payback' per quanto riguarda i farmaci orfani, al momento esentati dal ripiano che le aziende farmaceutiche devo fare a fine anno se sforano il budget. Uno strumento che ha portato a un aumento della ricerca sulle malattie rare in Italia. Se viene tolto - ha concluso Ciancaleoni Bartoli - potrebbero andare in crisi molti centri e aziende che sviluppano farmaci orfani".

1 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us