Salute

La lebbra è una malattia di origine europea

Il morbo di Hansen potrebbe avere avuto origine in Europa, non in Cina o in Estremo Oriente, come si è a lungo pensato.

La lebbra potrebbe aver avuto origine in Europa e non - come si è creduto finora - in Cina o in Estremo Oriente. Lo conferma uno studio condotto da un team internazionale di scienziati, pubblicato su PLOS Pathogens.

La lebbra (o morbo di Hansen) è una malattia infettiva e cronica, oggi considerata rara (ma non debellata), ma in Europa, fino al XVI secolo, era un vero e proprio flagello. Ancora oggi in molti paesi - soprattutto nelle regioni equatoriali - provoca oltre 200.000 nuovi casi l'anno. Dove ha avuto origine?

lebbra in europa
Un norvegese di 24 anni infettato dalla lebbra in un'immagine del 1886. Il più antico genoma della lebbra ricostruito dal team proviene da Great Chesterford (in Inghilterra) ed è datato 415-545 d.C. © Pierre Arents/WikiMedia

Lo studio effettuato su alcuni scheletri di età medievale (400-1400 d.C.), con le deformazioni tipiche del morbo, ha rivelato che nel Medioevo europeo erano presenti molti ceppi di lebbra, molti di più di quanto finora si pensasse.

Dai frammenti ossei gli studiosi hanno potuto ricostruire 10 genomi - codici genetici completi - del Mycobacterium leprae, il batterio della lebbra, e hanno scoperto che nel Medioevo tutti questi ceppi erano già presenti nel nostro continente.

Per questo hanno ipotizzato che la lebbra possa avere avuto origine in zone "vicine a casa nostra": forse nell'estremo sud-est dell'Europa o nell'Asia occidentale.

Colpa (anche) degli scoiattoli. È interessante notare che il ceppo del più antico genoma della lebbra è datato 415-545 d.C. ed è lo stesso presente negli scoiattoli rossi moderni. Questo confermerebbe l'ipotesi che gli scoiattoli e il commercio delle loro pellicce siano stati un fattore rilevante nella diffusione della malattia nell'Europa medievale.

16 maggio 2018 Giuliana Rotondi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us