Salute

Malaria, ultima frontiera: per eradicarla si curano direttamente le zanzare

Gli stessi farmaci utilizzati dall'uomo per prevenire e combattere l'infezione possono essere assorbiti dagli insetti vettori, e bloccare nel loro corpo la replicazione del parassita.

Quando si fa atterrare una zanzara anofele su una superficie ricoperta di atovaquone, un comune composto antimalarico, la si rende completamente incapace di favorire la replicazione, nel loro corpo, del plasmodio responsabile della malaria.

I principi attivi di questo e di altri farmaci antimalarici usati per l'uomo possono penetrare nelle zampe di questi insetti e affossare sul nascere la riproduzione del Plasmodium falciparum, come rivela un articolo pubblicato su Nature. Irrorare di antimalarici le zanzariere che ricoprono letti e finestre potrebbe quindi ridurre i contagi, evitando l'ormai diffuso problema della resistenza delle zanzare agli insetticidi.

Uomo e zanzare: insieme contro un nemico invisibile. La malaria: che cos'è e come si trasmette © Shutterstock

Cambio di rotta. Le zanzare sono animali incredibilmente versatili che si adattano in fretta ai composti che usiamo per ucciderle.

Così, anziché prendere di mira l'insetto-vettore, gli scienziati della Harvard T.H. Chan School of Public Health si sono concentrati sul protozoo che scatena l'infezione, che nella zanzara si riproduce: è questo esserino unicellulare, il vero responsabile degli oltre 200 milioni di contagi e delle 435 mila morti di malaria all'anno nel mondo.

Stessa rete, altra sostanza. Anche se in alcuni hotspot di trasmissione malarica le zanzare sono ormai diventate completamente resistenti ai piretroidi, la più comune classe di insetticidi, di per sé le reti impregnate di repellenti da usare a protezione dei letti funzionano: si stima che a queste zanzariere si debba il 68% dei casi di malaria evitati dal 2000 ad oggi.

I ricercatori si sono chiesti se fosse possibile applicare lo stesso principio e irrorare le reti di antimalarici, per agire all'interno del corpo degli insetti: bisognava capire se le zanzare fossero in grado di assorbire i composti attraverso le zampe.

Basta poco. Il team ha cosparso superfici di vetro con dosi più o meno concentrate di atovaquone o altri composti e ha tenuto le zanzare a contatto con i farmaci coprendole con un bicchiere. Sei minuti trascorsi su una dose bassa di atovaquone, simile a quella degli insetticidi spruzzati sulle zanzariere, sono sufficienti a bloccare completamente la replicazione del plasmodio nel corpo della zanzara. Sei minuti è anche il tempo in media trascorso da una zanzara su una rete messa a protezione di un essere umano.

La sostanza non ha avuto altri effetti su salute e longevità delle zanzare, e si può pertanto sperare che non dia luogo a fenomeni di resistenza. Un simile successo è stato osservato con altri antimalarici. Secondo gli scienziati la diffusione di reti cosparse di antimalarici potrebbe dimostrarsi particolarmente efficace nel bloccare la trasmissione dell'epidemia, specialmente nelle aree in cui le zanzare sono più resistenti agli insetticidi.

5 marzo 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us