Salute

Lorenzin firma protocollo d'intesa ministero-Operation Smile

Il ministro, ogni 3 minuti nasce un bimbo con malformazioni maxillo-facciali nel mondo

Roma, 13 lug. (AdnKronos Salute) - Dare impulso alla ricerca scientifica sulle nuove tecnologie chirurgiche e sulla genetica che determina le malformazioni cranio-maxillo-facciali, implementare nuovi protocolli chirurgici e occuparsi di formazione del personale medico. Questi alcuni degli obiettivi del protocollo d'intesa firmato oggi dalla Fondazione Operation Smile Italia Onlus e il ministero della Salute, con lo scopo di rafforzare la reciproca collaborazione, senza fini di lucro, nell'ambito delle proprie attività istituzionali e nel contesto di progetti specifici.

La Fondazione Operation Smile Italia Onlus nasce in Italia nel 2000 ed è costituita da volontari medici e operatori sanitari che partecipano alle missioni umanitarie di Operation Smile per correggere chirurgicamente gravi malformazioni cranio-maxillo-facciali come il labbro leporino, la palatoschisi, nonché esiti di ustioni e traumi. Dal 1982, anno di costituzione di Operation Smile negli Stati Uniti, sono più di 5.000 i volontari provenienti da 80 Paesi del mondo, anche italiani, che hanno effettuato gratuitamente più di 240.000 interventi chirurgici, cambiando la vita di migliaia di bambini.

"Ogni 3 minuti nel mondo nasce un bambino con queste malformazioni, che minano la qualità di vita e spesso la sopravvivenza - ha ricordato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin - mentre con un buon intervento chirurgico si può nella maggior parte dei casi risolvere il problema. In Italia ci sono molti casi, spesso per motivi genetici o per carenza di acido folico in gravidanza, e noi stiamo lavorando per creare centri di riferimento con una buona casistica. In questa ottica abbiamo aderito a questo protocollo: con un'operazione dal costo di 160 euro si può dare a un bambino un'impressionante cambio di vita".

Con il protocollo le parti s'impegnano a: svolgere attività di ricerca scientifica; elaborare e promuovere l'elaborazione di protocolli diagnostici, terapeutici e tecniche di intervento, favorendo la multidisciplinarietà nelle malformazioni cranio-maxillo-facciali e di tutte le patologie a esse connesse; realizzare, in territorio nazionale ed estero, attività e progetti di cooperazione sanitaria nei settori in cui la Fondazione opera; promuovere iniziative finalizzate alla formazione di personale medico e paramedico, anche mediante il sostegno di soggetti, pubblici e/o privati, verso le necessità e la qualità della vita di quanti siano affetti da malformazioni gravi e invalidanti; programmare e organizzare, a sostegno dell'attività istituzionale, seminari, convegni, gruppi di lavoro a livello scientifico, in Italia e all'estero.

Il ministero si impegnerà inoltre a valutare le eventuali istanze di Patrocinio per le iniziative che verranno avanzate dalla Fondazione nello svolgimento della sua attività istituzionale e a promuovere lo sviluppo di attività e progetti per la cura e l'assistenza nell'ambito delle malformazioni cranio-maxillo-facciali e di tutte le patologie a esse connesse.

"Operiamo anche in Italia - ha ricordato il presidente della Fondazione Operation Smile, Santo Versace - e abbiamo creato a Milano la 'Smile House', il primo centro di cura di Operation Smile per il trattamento operatorio e post-operatorio delle labiopalatoschisi in Italia e in Europa, e abbiamo intenzione di aprirne presto una anche a Roma. Questo protocollo ha l'obiettivo di rafforzare il rapporto con le istituzioni e vedere sempre più riconosciuto il nostro lavoro, che l'Organizzazione mondiale della sanità e molti Paesi hanno preso ad esempio per riparametrare gli interventi nel settore".

13 luglio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us