Salute

Non riesci a chiudere occhio? Colpa dello stress: attiva i neuroni che disturbano il sonno

Un'altra notte in bianco da stress? Questo stato emotivo fa andare "fuori tempo" un gruppo di neuroni, causando microrisvegli che funestano il riposo.

Dopo una notte trascorsa a rigirarsi nel letto con mille preoccupazioni la memoria vacilla e le emozioni sembrano sregolate: colpa dello stress, che con il sonno interrompe molti processi cruciali per la salute. Uno studio pubblicato su Current Biology svela come. Lo stress attiva in modo non ritmico una popolazione di neuroni dell'ipotalamo, causando microrisvegli che tranciano e accorciano le normali fasi del sonno.

Riposi... attivi. Il sonno è una successione ciclica di cinque fasi, suddivise a loro volta in due macro-categorie: sonno non-REM e sonno REM. Ogni ciclo del sonno ha la durata di circa 90 minuti ed è caratterizzato da quattro fasi di sonno non-REM di profondità crescente (da leggero a profondo), seguite da una fase REM (Rapid Eye Movement: quella in cui si sogna). 

Interruzioni notturne. Un gruppo di ricercatori dell'Università della Pennsylvania ha monitorato l'attività nell'ipotalamo (una struttura del sistema nervoso centrale che regola numerose attività involontarie, come il sonno e la veglia, la fame e la sete) concentrandosi su una popolazione di neuroni dell'area preottica, i cosiddetti neuroni glutammatergici (VGLUT2).

Essi sono attivati in modo ritmico durante il sonno non-REM, anche se sono di norma più attivi in fase di veglia. Lo stress sembra mandarli "fuori tempo" e questa attività si intensifica prima dei microrisvegli notturni. Quando gli scienziati hanno stimolato questi specifici neuroni in topi che dormivano, immediatamente è aumentata la quantità di microrisvegli e di veglia notturni.

Notti agitate. Per dimostrare l'esistenza di una connessione tra i neuroni VGLUT2 e l'agitazione, il team ha esposto i roditori a una fonte di stress, che ha aumentato i microrisvegli e la veglia, facendo diminuire il tempo totale trascorso in sonno non-REM e in sonno REM. I topi stressati mostravano un aumento dell'attività dei neuroni VGLUT2 in fase non-REM; quando invece l'attività dei neuroni è stata inibita, i microrisvegli in fase non-REM sono diminuiti, e le fasi del sonno sono risultate più lunghe.

Sogni d'oro? Regolare con l'aiuto di farmaci l'attività di questi neuroni dell'ipotalamo potrebbe cambiare la qualità del sonno delle persone che soffrono di insonnia da stress o da disturbo da stress post-traumatico.

13 gennaio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us