Lenti a contatto medicinali

Piccole sferette nelle lenti a contatto rilasciano composti utili. Il futuro dell'oculistica?

200332512715_14

Lenti a contatto medicinali
Piccole sferette nelle lenti a contatto rilasciano composti utili. Il futuro dell'oculistica?
L'applicazione di una lente a contatto: sarà possibile usare questo gesto per ragioni medicinali.
L'applicazione di una lente a contatto: sarà possibile usare questo gesto per ragioni medicinali.
Alcuni ricercatori dell'università di Florida sono riusciti a costruire lenti a contatto morbide che contengono minuscole particelle, in grado di rilasciare lentamente sostanze medicinali. Anuj Chauhan, uno degli autori della comunicazione (presentata al congresso dell'American Chemical society la settiman scorsa) ha detto che la maggior parte delle medicine somministrate con i colliri finisce nelle lacrime, e quindi va perduta. Ma se i farmaci sono contenuti nelle lenti a contatto, e lentamente rilasciati, la loro efficacia è molto migliore.
I ricercatori hanno scoperto il metodo per incorporare il farmaco in nanoparticelle, che possono essere poi mischiate con la matrice della lente a contatto al momento della fabbricazione. Tra le prime proposte c'è quella di inserire composti antibiotici, per combattere i nemici principali delle lenti a contatto, i batteri; oppure altri farmaci che contrastino una pericolosa malattia degli occhi, il glaucoma.

(Notizia aggiornata al 1 aprile 2003)

25 Marzo 2003