Salute

Leggere il Parkinson negli occhi, test allo studio

Sperimentato con successo nei ratti permetterebbe di diagnosticare la malattia prima dei sintomi

Milano, 19 ago. (AdnKronos Salute) - Leggere il Parkinson negli occhi di chi si sta ammalando, prima che compaiano i sintomi tipici della patologia neurologica. E' la speranza di un gruppo di ricercatori dell'University College di Londra, che in uno studio pubblicato su 'Acta Neuropathologica Communications' hanno descritto un test della retina candidato a diventare un sistema economico e non invasivo per la diagnosi ultra precoce della malattia dei tremori. La metodica è stata sperimentata con successo sui ratti: i primi segni di Parkinson sono risultati visibili 40 giorni prima che la malattia si manifestasse clinicamente.

I dati sono ancora da confermare nell'uomo, ma i ricercatori sembrano ottimisti. "Si tratta di una possibile svolta nella diagnosi e nel trattamento di una delle patologie più invalidanti a livello mondiale - afferma Francesca Cordeiro dell'Ucl, autrice principale del lavoro - Potremo essere in grado di intervenire molto prima e in modo molto più efficace per trattare i pazienti colpiti da questa condizione devastante". Non solo: la tecnica sarebbe utile anche per monitorare i malati in terapia e capire se il trattamento adottato sta funzionando o meno.

Attraverso una luce proiettata sul fondo dell'occhio, il test analizza le cellule gangliari della retina (Rgc). L'esame permette di capire quante di queste cellule stanno andando incontro a morte programmata (apoptosi), e di evidenziare un eventuale rigonfiamento della zona.

Pur premettendo che "la ricerca è ancora in fase iniziale - commenta alla Bbc online Arthur Roach, direttore della charity Parkinson Uk - disporre di un biomarcatore per il Parkinson potrebbe aiutare a diagnosticare la malattia in anticipo, quando i pazienti hanno più probabilità di beneficiare di trattamenti mirati a rallentare la progressione della patologia".

19 agosto 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us