Salute

Le prime ossa trasparenti

Una nuova tecnica permette di "vedere attraverso" scheletri intatti di animali vivi: servirà a studiare le cellule staminali nel loro ambiente naturale, e a prevenire malattie come l'osteoporosi.

Lo scheletro che abbiamo oggi è completamente diverso da quello che ci sosteneva 10 anni fa: le ossa subiscono un costante processo di degradazione e ricostruzione, controllato in parte dalle cellule staminali del midollo osseo (cellule osteoprogenitrici). Capire come queste funzionino potrebbe aiutare a trattare alcune patologie degenerative, come l'osteoporosi. Ma per vederle all'opera, servirebbero tibie e femori trasparenti.

A colpo sicuro. Detto, fatto: un gruppo di scienziati della Caltech University (California) è riuscito a ottenere, nei topi, ossa in cui è possibile "vedere attraverso", per studiare così la distribuzione e il funzionamento delle osteoprogenitrici. Di norma queste cellule si osservano nelle ossa in sezione, ma poiché non sono equamente distribuite, capire dove trovarle non è semplice e spesso si procede "per tentativi". Rendendo l'intero osso trasparente si possono invece analizzare nel loro ambiente naturale e tridimensionale.

Tibie cristalline. Gli scienziati sono ricorsi a una tecnica chiamata CLARITY, inizialmente ideata per rendere trasparenti i tessuti cerebrali. In pratica si tratta di rimuovere calcio e lipidi dalle ossa (gli elementi che le rendono opache) e rimpiazzarli con un idrogel come supporto strutturale. A operazione completata, le ossa di topo sono parse trasparenti e in esse si è resa subito visibile una "costellazione" di cellule staminali, che erano state ingegnerizzate per apparire rosso fluorescente.

Il procedimento servirà a testare la risposta delle cellule a farmaci contro la degenerazione ossea, e a capire come lo scheletro - lungi dall'essere una semplice "impalcatura" - interagisca con il resto del corpo.

2 maggio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us