Salute

Le mosche bianche hanno rubato alle piante un gene indispensabile

Le mosche bianche, piccoli insetti infestanti, hanno sottratto alle piante un gene utile a difendersi dalle tossine che le stesse piante producono.

Milioni di anni fa le mosche bianche, insetti simili agli afidi, rubarono alle piante di cui si nutrono una minuscola porzione di DNA. Quel gene, si è appena scoperto, serve agli insetti a non finire avvelenati dalle tossine che le piante producono per difendersi dagli infestanti. Grazie a quel "furto", le mosche bianche possono banchettare sulle piante in tutta sicurezza.

Secondo gli scienziati dell'Accademia Cinese delle Scienze Agricole e dell'Università di Neuchâtel (Svizzera), autori dello studio, si tratterebbe del primo esempio descritto di trasferimento genetico orizzontale di un gene "utile" dalle piante agli insetti.

Interruttore cruciale. Il gene in questione si chiama BtPMaT1: le cellule delle piante lo usano per evitare di autoavvelenarsi con i composti nocivi che producono per allontanare gli ospiti sgraditi. Circa 35 milioni di anni fa le mosche bianche "rubarono" questo gene difensivo, forse attraverso un virus che potrebbe aver traghettato il frammento di DNA dai vegetali agli insetti. Il gene vantaggioso fu mantenuto e favorito dall'evoluzione.

Il team ha geneticamente modificato una pianta di pomodoro in modo che producesse una molecola di RNA capace di interferire con l'attività del gene BtPMaT1 nella mosca bianca Bemisia tabaci, l'aleurodide del tabacco. Quando le istruzioni genetiche hanno silenziato il gene, gli animali sono diventati suscettibili ai composti tossici della pianta e sono morti dopo il pasto.

In agricoltura. Le mosche bianche sono insetti infestanti molto diffusi, capaci di attaccare circa 600 specie di piante coltivate e provocare la perdita quasi totale dei raccolti. In futuro, ortaggi geneticamente modificati per mettere a tacere questo gene potrebbero rappresentare una strategia mirata per sbarazzarsi degli infestanti senza utilizzare pesticidi.

2 aprile 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us