Salute

Le mosche bianche hanno rubato alle piante un gene indispensabile

Le mosche bianche, piccoli insetti infestanti, hanno sottratto alle piante un gene utile a difendersi dalle tossine che le stesse piante producono.

Milioni di anni fa le mosche bianche, insetti simili agli afidi, rubarono alle piante di cui si nutrono una minuscola porzione di DNA. Quel gene, si è appena scoperto, serve agli insetti a non finire avvelenati dalle tossine che le piante producono per difendersi dagli infestanti. Grazie a quel "furto", le mosche bianche possono banchettare sulle piante in tutta sicurezza.

Secondo gli scienziati dell'Accademia Cinese delle Scienze Agricole e dell'Università di Neuchâtel (Svizzera), autori dello studio, si tratterebbe del primo esempio descritto di trasferimento genetico orizzontale di un gene "utile" dalle piante agli insetti.

Interruttore cruciale. Il gene in questione si chiama BtPMaT1: le cellule delle piante lo usano per evitare di autoavvelenarsi con i composti nocivi che producono per allontanare gli ospiti sgraditi. Circa 35 milioni di anni fa le mosche bianche "rubarono" questo gene difensivo, forse attraverso un virus che potrebbe aver traghettato il frammento di DNA dai vegetali agli insetti. Il gene vantaggioso fu mantenuto e favorito dall'evoluzione.

Il team ha geneticamente modificato una pianta di pomodoro in modo che producesse una molecola di RNA capace di interferire con l'attività del gene BtPMaT1 nella mosca bianca Bemisia tabaci, l'aleurodide del tabacco. Quando le istruzioni genetiche hanno silenziato il gene, gli animali sono diventati suscettibili ai composti tossici della pianta e sono morti dopo il pasto.

In agricoltura. Le mosche bianche sono insetti infestanti molto diffusi, capaci di attaccare circa 600 specie di piante coltivate e provocare la perdita quasi totale dei raccolti. In futuro, ortaggi geneticamente modificati per mettere a tacere questo gene potrebbero rappresentare una strategia mirata per sbarazzarsi degli infestanti senza utilizzare pesticidi.

2 aprile 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us