Salute

Le lampade a raggi ultravioletti fanno male?

I raggi ultravioletti (Uv) emessi dalle lampade abbronzanti (e dal sole) possono provocare degenerazioni delle cellule cutanee, dalle quali può derivare sia un invecchiamento precoce della pelle,...

I raggi ultravioletti (Uv) emessi dalle lampade abbronzanti (e dal sole) possono provocare degenerazioni delle cellule cutanee, dalle quali può derivare sia un invecchiamento precoce della pelle, con la comparsa di rughe e macchie e talvolta perfino tumori come il melanoma. Le degenerazioni cellulari si accumulano durante la vita, quindi col passare del tempo il rischio aumenta. Ma i raggi ultravioletti hanno anche effetti benefici: possono giovare alla pelle per la loro azione disinfettante e in certe malattie cutanee, (psoriasi o dermatite seborroica) permettono di ridurre la formazione del sebo e di controllare la riproduzione delle cellule dell’epidermide. Inoltre gli ultravioletti sono indispensabili per la formazione della vitamina D, che permette la fissazione del calcio sulle ossa.
L'abc dei raggi ultravioletti. Si distinguono raggi Uva, Uvb e Uvc, a seconda della lunghezza d’onda e quindi del potere di penetrare nella pelle: le emissioni delle lampade abbronzanti sono composte per il 90-95 per cento da raggi Uva, i meno dannosi, e per il resto da raggi Uvb, più pericolosi, mentre gli Uvc sono assenti.
Anche le lampade alogene da illuminazione emettono raggi ultravioletti e possono quindi risultare dannose. Questo avviene quando il bulbo della lampadina è fatto di quarzo, che lascia passare i raggi, e non è invece protetto anche da uno strato di vetro, che invece blocca gli ultravioletti. Le lampade oggi in commercio possiedono questo strato di vetro protettivo.

28 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us