Le donne hanno un migliore senso del gusto?

In effetti sì. E il loro vantaggio è dovuto a una precisa ragione evolutiva.

ipa_f0b05h_web
Una marcia in più.|IPA/Alamy

Se a tavola la vostra partner dice di percepire un sapore che voi proprio non identificate, sappiate che la scienza è dalla sua parte: le donne hanno un migliore senso del gusto rispetto agli uomini. Diversi studi confermano che sanno distinguere meglio i sapori, ma anche descriverli più accuratamente. E i cosiddetti supertaster - le persone che avvertono aromi e sapori in modo più intenso rispetto alla media - sono più spesso femmine.

Sin da piccoli. Una ricerca condotta nel 2008 dall'università di Copenhagen, con uno dei più ampi studi mai fatti sul senso del gusto nei bambini, rivela che la questione non è limitata agli adulti. Anche in età scolare, le femmine percepiscono i sapori meglio dei maschi. Questi ultimi hanno bisogno di cibi il 10% più aspri o il 20% più dolci, per raggiungere le stesse performance gustative delle bambine.

 

Avvantaggiate. In effetti le donne hanno una maggiore quantità di recettori gustativi sulla lingua, e la ragione sembra essere strettamente legata all'evoluzione. Ad esse spetta infatti decidere se il cibo che consumeranno è sano per se stesse e per i figli che aspettano o devono accudire. Sarebbero quindi evolutivamente meglio attrezzate per distinguere gli alimenti pericolosi, avariati o velenosi, prima, durante e dopo la gravidanza. Per la stessa ragione hanno anche un migliore senso dell'olfatto.

 

15 Gennaio 2017 | Elisabetta Intini