Le allergie sono sempre più aggressive

Ogni anno si allunga la stagione delle allergie, che diventano anche più  potenti. Colpa anche dell'inquinamento e del riscaldamento globale.

allergie-pollini
La stagione dei pollini è aggravata e allungata dall'inquinamento e dal tasso di anidride carbonica.|Shutterstock

Avete la sensazione che quest'anno l'allergia sia peggiore di quella dell’anno scorso? Non è una sensazione, purtroppo è una certezza. Di anno in anno il numero di persone che ne soffre è in costante aumento, e le allergie sono sempre più potenti: irritazione alla gola, orticaria, starnuti e occhi congestionati sono i sintomi più comuni. Tutta colpa del riscaldamento globale, come conferma anche un recente articolo riportato da Vox.

Allergie, polline, inquinamento
Stagione dei pollini in una foresta della Finlandia. | Gerlinde Miesenböck / Anzenberg / Contrasto

Colpa dei pollini. A scatenare le allergie è il polline, una polvere sottile prodotta da piante come olmo, loglio (una graminacea) e ambrosia. I grani in sospensione in aria variano da 9 a 200 micrometri (millesimi di millimetro): le particelle più sottili arrivano ovunque, anche nei polmoni. Anche a distanza di chilometri, le polveri di polline si spostano con il vento e si insinuano facilmente dappertutto, anche nelle abitazioni e all'interno di luoghi chiusi.

 

Normalmente nell'arco dell'anno ci sono tre grandi picchi di produzione di polline: quercia, frassino, betulla e acero ne producono molto in primavera. L'erba timotea e altri tipi di erba producono pollini in estate, mentre in autunno c'è il picco del polline di ambrosia, in Italia diffusa soprattutto in Lombardia.

 

Allergie, polline, inquinamento
Una giornata qualunque a Liaocheng, in Cina. I ricercatori hanno appurato che le piante di ambrosia aumentano la produzione di polline in risposta a picchi localizzati di anidride carbonica, come può verificarsi per esempio lungo un'autostrada. | REUTERS/Stringer

SOS inquinamento. Tre stagioni su quattro sono quindi problematiche per chi soffre di allergia, e il surriscaldamento del pianeta aggrava la situazione. Le stagioni calde infatti si allungano sempre di più e le piante hanno a disposizione più tempo per mettere in circolazione il polline.

 

A metterci lo zampino sono però anche le concentrazioni di anidride carbonica che sollecitano alcune piante, come appunto l'ambrosia, a produrre più polline. Non a caso dall'Ottocento a oggi, complice l'industrializzazione, la produzione di polline da parte di questa pianta è più che raddoppiata.

 

Il risultato è la messa in circolazione di un maggior numero di semi e una maggiore produzione di ambrosia per l'anno successivo, distribuita in un lasso più lungo di tempo. 

 

Allergie più potenti. Gli studiosi hanno appurato che l'aumento della concentrazione di anidride carbonica aumenta la quantità di peptidi allergenici sul polline. La cosa non è priva di conseguenze: queste sostanze hanno infatti una composizione molecolare che sollecita maggiormente il sistema immunitario del nostro organismo, aumentando di fatto il potere allergenico del polline.

Per il futuro le prospettive non sono buone. I ricercatori stimano che il numero di pollini prodotti da diverse varietà di piante raddoppierà entro il 2040-50. Un ulteriore elemento di preoccupazione che, come tutti gli altri, non riesce comunque a produrre un'inversione di rotta nelle politiche energetiche e industriali.

 

Per interrompere quella spirale che include anche le allergie, occorre infatti fare una sola cosa: ridurre le emissioni di gas serra.

27 Aprile 2018 | Giuliana Rotondi