Salute

Lazio, per l'ospedale Israelitico incontro con il Prefetto

Menichella, non possiamo condannare lavoratori e pazienti

Roma, 28 ott. (AdnKronos Salute) - L’Associazione Nazionale Medici Istituti Religiosi (Anmirs) ha richiesto ufficialmente "un incontro alla Prefettura di Roma per cercare un tentativo di conciliazione con la Regione Lazio in relazione al Decreto Commissariale dello scorso 23 ottobre che dispone la sospensione in via cautelare dell'autorizzazione all’esercizio e dell’accreditamento dell’Ospedale Israelitico di Roma". Lo comunica, in una nota l'associazione. "La situazione è gravissima – spiega Donato Menichella, segretario nazionale Anmirs - Non possiamo accettare che l’Israelitico venga lasciato morire nell’indifferenza generale".

"La magistratura, come è giusto che sia, accerterà eventuali responsabilità personali - prosegue Menichella - ma nel frattempo non si possono condannare all’oblio né i tanti pazienti che in questo momento vi sono ospitati e che andrebbero ricollocati in altri ospedali, né i professionisti che operano all’interno della struttura e che con i fatti contestati non hanno nulla a che fare".

"I medici, gli infermieri e gli altri dipendenti dell’Israelitico –prosegue ancora Menichella – sono lavoratori seri e altamente qualificati grazie ai quali l’ospedale è divenuto nel tempo una vera e propria eccellenza del sistema sanitario regionale. Ora non si può fare di tutta l’erba un fascio, soprattutto perché i reati contestati riguarderebbero un ristretto numero di persone".

Alla luce di tutto ciò "chiediamo alla Prefettura di Roma, alla Regione Lazio e alla Comunità Ebraica di adoperarsi affinché ai dipendenti e ai pazienti dell’Israelitico siano restituite dignità e certezza per il proprio futuro. Perché chiudere l’ospedale significherebbe colpire loro che non hanno alcuna colpa in questa triste vicenda. E - conclude la nota - noi questo non possiamo permetterlo” .

28 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us