Salute

L’Alzheimer si diagnostica con il solitario

Se a FreeCell siete delle schiappe… forse è perché i vostri neuroni sono ormai “alla frutta”.

Diagnosticare l’Alzheimer con un videogioco. Uno strano modo di monitorare la salute del nostro cervello? Forse. Eppure è quanto hanno provato a fare all’Oregon Center for Aging and Technology di Portland (Oregon, Usa). Gli scienziati infatti hanno sottoposto una serie di pazienti a partite di FreeCell, il celebre solitario di Windows. Secondo gli studiosi questo gioco è particolarmente indicato a far emergere lievi ma preoccupanti sintomi di regressione delle facoltà intellettive e di questa grave malattia degenerativa del sistema nervoso.

Giocare d’anticipo
Da tempo la scienza sta cercando di mettere a punto test diagnostici in grado di scovare i primi sintomi del morbo di Alzheimer. Sapere in largo anticipo se il paziente si sta ammalando potrebbe infatti essere utile a pianificare per tempo le necessarie cure, così da limitare i danni della malattia. Il fatto è che i sintomi iniziali dell’Alzheimer, all’apparenza innocui cali dei rendimenti cognitivi, sono poco decifrabili e gli esami attualmente impiegati (risonanze magnetiche e test di memoria) non sono del tutto affidabili.

Strategie di gioco
Durante lo studio, durato una ventina di giorni, nove anziani si sono prestati a giocare tra le 30 e le 50 partite di FreeCell a settimana. Per ogni partita un computer stabiliva la soluzione più semplice e ne valutava il grado di affinità con le mosse del giocatore. Risultato: i soggetti a cui erano già stati diagnosticati i sintomi iniziali della malattia risultavano mediamente meno bravi degli altri giocatori.

Curarsi con un solitario
Rimane però da stabilire un ultimo dettaglio: oltre a essere impiegato come strumento di diagnosi, FreeCell potrà essere un’utile terapia? Alcuni produttori di videogame ci hanno già pensato e hanno messo sul mercato giochi destinati alla riabilitazione cognitiva delle persone anziane. Adesso si tratta solo di capire fino a che punto un videogioco può avere anche un impiego clinico.

(Notizia aggiornata al 27 luglio 2006)

27 luglio 2006
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us