Salute

La Tv accorcia il sonno dei bambini

La conferma da uno studio Usa effettuato su bimbi tra i 6 mesi e gli 8 anni. Più televisione guardano, meno dormono. Soprattutto i maschi.

Che lasciare i figli troppo tempo davanti al piccolo schermo abbia effetti negativi sulla loro salute mentale e fisica non è una novità. Tanti studi lo hanno già rilevato.

Adesso però si è aggiunta una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Pediatrics, che ha coinvolto madri e bambini americani per ben 8 anni (il Project VIVA).

I ricercatori del MassGeneral Hospital for Children (MGHfC), l'ospedale pediatrico del Massachussetts, e della Harvard School of Public Health (HSPH), la scuola di medicina dell'Università di Harvard, hanno seguito 1.864 bambini del Massachusetts dai 6 mesi fino ai 7 anni compiuti.

Ogni anno, hanno chiesto ai genitori quanta Tv guardassero i loro figli; quanto tempo trascorressero in una stanza con la Tv accesa; se nella camere da letto del bambino ci fosse una Tv (a 4 anni di età il 17% ce l'aveva, mentre a 7 anni la percentuale saliva a 23%). E, naturalmente, quale fosse la qualità del sonno dei bambini.

Il risultato dello studio ha confermato precedenti ricerche a breve termine: vi è una stretta correlazione tra il consumo della Tv e la qualità del sonno dei bambini. Per la precisione: 1 ora in più di visione televisiva al giorno riduce di 7 minuti il sonno quotidiano dei bambini, con effetti più forti nei maschi che nelle femmine.

Inoltre, la presenza di una Tv in camera da letto, ha rilevato una riduzione del sonno dei bambini di circa 31 minuti al giorno.


Ti può interessare anche

I danni irreparabili della carenza di sonno
Dormi abbastanza? Scopri se sei in debito di sonno
Perché i bambini devono andare a letto presto

Facciamo la siesta: siamo cinesi
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Il lettone a forma di nido
VAI ALLA GALLERY (N foto)

16 aprile 2014 Fabrizia Sacchetti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us