Salute

La semaglutide potrebbe essere utile (anche) contro la dipendenza da alcol

La semaglutide, il farmaco antidiabetico che favorisce la perdita di peso, sembra anche far perdere interesse per l'alcol in chi ne è dipendente.

La semaglutide, il farmaco antidiabetico che favorisce la perdita di peso nelle persone affette da obesità, potrebbe essere efficace non solo contro la dipendenza da cibo, ma anche contro quella da alcol.

Da tempo si sospettava che il medicinale, noto con i nomi commerciali di Ozempic o Wegovy, facesse sparire il desiderio di consumare alcolici in chi soffre di disturbo da uso di alcol (Alcohol Use Disorder, AUD), una patologia considerata un disturbo cerebrale e caratterizzata da una ridotta capacità di interrompere o controllare il consumo di alcol. Ora questo effetto della semaglutide è stato confermato per la prima volta in un (piccolo) studio sull'uomo. 

Sazi con meno. La semaglutide, autorizzata da alcuni anni per il trattamento del diabete di tipo 2, imita il comportamento del GLP-1 (glucagon-like peptide 1), un ormone naturalmente prodotto dall'intestino che stimola la produzione di insulina (e dunque aiuta a tenere sotto controllo la glicemia) e favorisce il senso di sazietà alla fine di un pasto.

Questo secondo effetto, utile per chi fatica a controllare il peso corporeo, non dipende soltanto dal fatto che il farmaco rallenta lo svuotamento dello stomaco, ma è anche dovuto a un'azione a livello del sistema nervoso. La semaglutide stimola infatti i circuiti cosiddetti della ricompensa, che danno quella sensazione di appagamento dopo aver mangiato.

Sono a posto così. Proprio questo meccanismo potrebbe - anche se non se ne ha la certezza - essere alla base della possibile efficacia del farmaco contro la dipendenza da alcol, innescata, si pensa, dall'incremento del neurotrasmettitore dopamina in seguito all'assunzione di bevande alcoliche nei centri cerebrali della gratificazione e della ricompensa.

Segnali incoraggianti. Nel nuovo studio pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry, gli scienziati dell'Università dell'Oklahoma hanno osservato le conseguenze dell'assunzione di semaglutide in sei persone con disturbo da uso di alcol che stavano ricevendo il farmaco come parte di un programma per la perdita di peso. Tutti e sei i partecipanti hanno riportato un'importante riduzione dei sintomi della dipendenza, anche nei casi in cui avevano beneficiato poco della perdita di peso.

C'è ancora molto da fare. Lo studio è soltanto un piccolo inizio che servirà a porre le basi per altri trial clinici più estesi, controllati e randomizzati, che includano partecipanti a cui venga somministrato soltanto un placebo. Le prossime ricerche non guarderanno più soltanto ai sintomi della dipendenza da alcol, ma dovranno analizzare anche il modo in cui il cervello dei partecipanti risponde agli alcolici sotto l'effetto di semaglutide.

Per farlo occorreranno esami di imaging come la risonanza magnetica.

Per il momento... Intanto gli autori della ricerca sottolineano che farmaci efficaci contro il disturbo da uso di alcol esistono già, benché siano poco usati (negli Stati Uniti li assume meno del 2% dei pazienti che ne avrebbero bisogno). Le prescrizioni di semaglutide come farmaco antidiabetico e antiobesità sono in crescita. Se tra gli effetti collaterali del medicinale ci fosse anche un ridotto entusiasmo per il consumo eccessivo di alcol, sarebbe comunque una buona notizia.

10 dicembre 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us