Salute

La pressione si misura sulla punta delle dita

Un dispositivo ancora in fase sperimentale riesce a fare la lettura grazie a due sensori e una applicazione sul cellulare.

Con uno smartphone e una app, ormai sembra si possa fare davvero di tutto. Persino misurare la pressione: a pensare a questa soluzione è stato un gruppo di ricercatori di alcune università americane e sudcoreane, e il loro dispositivo è descritto sulla rivista Science Translational Medicine.

Ipertesi senza saperlo. Perché un nuovo apparecchio per misurare la pressione? Quelli esistenti non funzionano già? Il problema è che, stando alle statistiche epidemiologiche, l'ipertensione è in gran parte un problema sommerso. Molte delle persone che hanno livelli di pressione sanguigna considerati a rischio, non ne sono consapevoli. Il fatto che il monitoraggio con gli strumenti classici venga solitamente fatto in ambulatorio dal medico contribuisce almeno in parte al problema.

Il dispositivo per il monitoraggio in tempo reale della pressione sanguigna. © Anand Chandrasekhar

Cover e sensori. Il nuovo dispositivo è costituto da una custodia per il telefonino stampata in 3D cui sono applicati un sensore ottico e un sensore di pressione. Premendo con un dito sopra di essi, i due sensori riescono a misurare la pressione in un'arteria del dito nello stesso modo in cui farebbe il classico manicotto, strizzando il braccio.

I sensori sono connessi al telefono che, attraverso un'applicazione dedicata, esegue la lettura dei valori di pressione sistolica e diastolica (la "massima" e la "minima"), senza bisogno di altri strumenti esterni.

Preciso come gli altri. Finora il dispositivo è stato testato soltanto su una trentina di persone. Non sembra che ci siano stati particolari problemi nell’imparare a utilizzarlo, e la lettura della pressione ha mostrato un'accuratezza paragonabile a quella degli apparecchi tradizionali.

13 marzo 2018 Chiara Palmerini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 31,90€
Follow us