Salute

Negli Usa approvata la prima pillola contro la depressione post partum

L'autorità americana per i farmaci ha approvato una pillola per curare la depressione post partum. I benefici sono dimostrati, ma alcuni aspetti sono da chiarire

La FDA (Food and Drugs Administration, l'ente americano che regola i farmaci) statunitense ha approvato la prima pillola orale per curare la depressione post partum: si chiama zuranolone, agisce più rapidamente degli attuali trattamenti disponibili e viene somministrata una volta al giorno per solo due settimane.

L'approvazione della pillola, pur lontana dall'essere una panacea, rappresenta un importante passo avanti nella cura di una malattia che colpisce non solo le neomamme, ma anche i neopapà.

Lo studio. Il via libera dell'FDA è arrivato dopo la pubblicazione di un nuovo studio che dimostra l'efficacia dello zuranolone. Ai test hanno preso parte quasi 200 persone con sintomi gravi di depressione post partum: al gruppo di controllo è stato somministrato un placebo, mentre gli altri hanno assunto 50 milligrammi al giorno di zuranolone per 14 giorni.

Dopo tre giorni, chi aveva preso la pillola di zuranolone mostrava già notevoli segni di miglioramento; al quindicesimo giorno, quasi il 30% di chi si stava curando stava molto meglio rispetto al gruppo che aveva assunto il placebo. I miglioramenti sono durati per 45 giorni dall'inizio della cura.

Benefici anche per i bambini. Riconoscere e curare il prima possibile i sintomi della depressione post partum non fa bene sono ai genitori, ma anche ai bambini: «È un fattore di stress per la famiglia e per il bambino: una scarsa salute mentale dei neogenitori è associata a cattive condizioni di salute per i loro neonati», spiega Samantha Meltzer-Brody, direttrice del Center for Women's Mood Disorders della University of North Carolina at Chapel Hill.

Le cure fino ad ora. Lo zaranolone non rimpiazzerà le cure attuali come la psicoterapia, ma sarà un'arma in più nella lotta alla depressione post partum: fino a pochi anni fa, i medici la curavano con una combinazione di psicoterapia e di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), farmaci antidepressivi come il Prozac o l'Escitalopram.

Ma gli SSRI possono richiedere fino a tre mesi per dare risultati, e a volte può essere necessario assumerli per sempre.

Meglio del brexanolone. Nel 2019 la FDA aveva approvato il brexanolone, all'epoca il primo farmaco specifico per la cura della depressione post partum: non ha però avuto molto successo perché una dose costa 34.000 dollari e dev'essere somministrata per via endovenosa in ospedale per 60 ore consecutive.

Lo zuranolone è una sorta di "versione migliorata" del brexanolone: entrambi i farmaci imitano l'allopregnanolone, un neurosteroide naturale che protegge il cervello delle donne incinte e i feti dallo stress durante la gravidanza.

Cosa rimane da capire. Non sappiamo se i benefici dello zuranolone durino oltre i 45 giorni raggiunti nei trial clinici: se i sintomi della depressione dovessero tornare, sarebbe necessario condurre altri studi per capire se è possibile somministrare una seconda dose del farmaco.

Un altro aspetto che ancora non è chiaro – ma è piuttosto rilevante – è il prezzo: l'azienda produttrice non l'ha ancora rivelato, ma se dovesse essere troppo alto potrebbe essere un problema, visto che sono le famiglie più povere spesso a soffrire maggiormente di depressione post partum.

19 agosto 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us