Salute

La dieta chetogenica potrebbe accelerare l'invecchiamento cellulare

La dieta "cheto" fa aumentare, nei topi, le cellule senescenti - anche se l'effetto sembra essere reversibile. Non è chiaro se accada anche nell'uomo.

La dieta chetogenica amata da sportivi e influencer potrebbe favorire l'invecchiamento cellulare. Topi che hanno seguito questo regime alimentare nel corso di uno studio hanno accumulato cellule senescenti, lo stesso tipo di cellule che si formano nell'organismo con l'invecchiamento e che possono compromettere la funzionalità di organi e tessuti. La ricerca è stata pubblicata su Science Advances.

Dieta chetogenica: in che cosa consiste? La dieta chetogenica è un tipo di alimentazione che riduce drasticamente i carboidrati a favore di proteine e grassi. Lo scopo è privare l'organismo della sua fonte energetica preferita - gli zuccheri - e costringerlo a utilizzare invece i grassi, con l'effetto di perdere peso.

Questa condizione metabolica si chiama chetosi (perché si producono grandi quantità di corpi chetonici, sostanze di rifiuto derivanti dal metabolismo dei grassi) e può risultare tossica per l'organismo, che smaltisce i corpi chetonici attraverso i reni.

La dieta chetogenica ha dunque un impatto importante sull'organismo, andrebbe costantemente seguita da uno specialista e non è un regime alimentare bilanciato. Anche se è talvolta suggerita come terapia per alcune condizioni cliniche (come l'epilessia e alcune forme di obesità) è rischioso adottarla senza controlli, per ragioni puramente estetiche o di fitness.

Aria e margarina. Per studiare gli effetti della dieta su una proteina che "orchestra" l'invecchiamento cellulare, David Gius, oncologo dell'University of Texas Health Science Center di San Antonio, ha nutrito sei topi con una dieta chetogenica estrema e praticamente irriproducibile per l'uomo, nella quale il 90% delle calorie derivava dai grassi (in particolare da margarina vegetale). Il gruppo di topi di controllo ha seguito per lo stesso periodo un'alimentazione che contemplava il 17% delle calorie proveniente dai grassi.

Tessuti più vecchi. Quindi i ricercatori hanno analizzato cuore, reni, fegato e cervello dei topi, a caccia di cellule senescenti - cellule stressate e troppo danneggiate per funzionare che entrano in una sorta di letargo, in cui non sono più in grado di proliferare ma neanche di autodistruggersi con morte programmata.

Di per sé la senescenza è un meccanismo fisiologico che serve da protezione, per esempio, contro la proliferazione incontrollata di cellule tumorali. Tuttavia, quando le cellule con questa caratteristica si accumulano in un organo - come spesso succede quando i tessuti invecchiano - possono comprometterne la funzionalità, per esempio perché rilasciano tossine che favoriscono l'infiammazione o perché pregiudicano la capacità degli organi di autoripararsi.

Pause necessarie. I topi nutriti con la dieta chetogenica avevano una quantità di marcatori per le cellule senescenti molto più elevata degli altri: una scoperta che suggerisce che questo genere di alimentazione possa aumentare il rischio di invecchiamento degli organi e favorire condizioni come malattie cardiache, tumori e diabete di tipo 2.

Tuttavia, quando gli animali hanno cambiato alimentazione, sia concedendosi una pausa dalla dieta chetogenica di tre settimane, sia alternando 4 giorni di dieta chetogenica a 7 giorni di alimentazione standard, le spie delle cellule senescenti nel sangue sono tornate quasi a livelli normali. Un fatto sorprendente, perché di norma le cellule non "guariscono" dalla senescenza.

Niente allarmismi, ma... Non è detto che quanto osservato nei topi sia vero anche per l'uomo e, comunque, specificano i ricercatori, ci sono diversi tipi di diete chetogeniche: quella progettata per lo studio era solo una delle tante. In ogni caso, la ricerca conferma che questo tipo di alimentazione non è per tutti, e che chi la segue dovrebbe regolarmente concedersi delle pause. Serviranno ulteriori studi per capire se la presenza di così alti livelli di cellule senescenti abbia danneggiato gli organi dei topi.

28 maggio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us