Salute

La cocaina distrugge i suoi sensori

Nel cervello, la droga colpisce proprio le cellule che provocano il piacere nell'uomo.

La cocaina distrugge i suoi sensori
Nel cervello, la droga colpisce proprio le cellule che provocano il piacere nell'uomo.

Il cervello di una persona normale (in alto) e di alcuni utilizzatori di cocaina dopo dieci (al centro) e cento giorni (in basso) dalla sospensione della droga. Le zone più blu sono quelle in cui il metabolismo si è abbassato di più.
Il cervello di una persona normale (in alto) e di alcuni utilizzatori di cocaina dopo dieci (al centro) e cento giorni (in basso) dalla sospensione della droga. Le zone più blu sono quelle in cui il metabolismo si è abbassato di più.

Esaminando il cervello di cocainomani, alcuni ricercatori sono giunti alla conclusione che la sostanza uccide le cellule cui si attacca. Nel cervello la droga si unisce ai neuroni dei cosiddetti “centri del piacere” che sono sensibili a un neurotrasmettitore chiamato dopamina. I neuroni che usano la dopamina, nel cervello di 35 utilizzatori di cocaina, confrontato con quello di altri 35 non drogati, aveva livelli molto bassi di questa sostanza, così come di altre proteine collegate alla trasmissione del segnale. Questo significa che la cocaina danneggia proprio i neuroni che possiedono i sensori (recettori) responsabili della sua azione.
Piacere pericoloso. La cocaina agisce in modo particolare bloccando una proteina che riporta la dopamina ai livelli normali dopo uno stimolo positivo. Per questo che la dopamina si accumula nel cervello provocando le “ondate di piacere” della cocaina.
Lo studio è la prima prova completa che la cocaina danneggia i neuroni che funzionano con la dopamina, e spiegherebbe anche alcuni sintomi della prolungata assunzione di cocaina, come la depressione.

(Notizia aggiornata al 4 gennaio 2003)

2 gennaio 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us