Salute

La cocaina distrugge i suoi sensori

Nel cervello, la droga colpisce proprio le cellule che provocano il piacere nell'uomo.

La cocaina distrugge i suoi sensori
Nel cervello, la droga colpisce proprio le cellule che provocano il piacere nell'uomo.

Il cervello di una persona normale (in alto) e di alcuni utilizzatori di cocaina dopo dieci (al centro) e cento giorni (in basso) dalla sospensione della droga. Le zone più blu sono quelle in cui il metabolismo si è abbassato di più.
Il cervello di una persona normale (in alto) e di alcuni utilizzatori di cocaina dopo dieci (al centro) e cento giorni (in basso) dalla sospensione della droga. Le zone più blu sono quelle in cui il metabolismo si è abbassato di più.

Esaminando il cervello di cocainomani, alcuni ricercatori sono giunti alla conclusione che la sostanza uccide le cellule cui si attacca. Nel cervello la droga si unisce ai neuroni dei cosiddetti “centri del piacere” che sono sensibili a un neurotrasmettitore chiamato dopamina. I neuroni che usano la dopamina, nel cervello di 35 utilizzatori di cocaina, confrontato con quello di altri 35 non drogati, aveva livelli molto bassi di questa sostanza, così come di altre proteine collegate alla trasmissione del segnale. Questo significa che la cocaina danneggia proprio i neuroni che possiedono i sensori (recettori) responsabili della sua azione.
Piacere pericoloso. La cocaina agisce in modo particolare bloccando una proteina che riporta la dopamina ai livelli normali dopo uno stimolo positivo. Per questo che la dopamina si accumula nel cervello provocando le “ondate di piacere” della cocaina.
Lo studio è la prima prova completa che la cocaina danneggia i neuroni che funzionano con la dopamina, e spiegherebbe anche alcuni sintomi della prolungata assunzione di cocaina, come la depressione.

(Notizia aggiornata al 4 gennaio 2003)

2 gennaio 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us