Salute

La Cina sembra aver domato l'ondata di covid a Pechino

Dopo tre settimane dall'allarme per una nuova ondata di contagi in Cina, è stato registrato solo un nuovo caso di contagio, e nessun decesso.

A meno di tre settimane dall'allarme per un nuovo focolaio di covid nel mercato di Xinfadi di Pechino, la Cina sembra aver spento sul nascere la nuova ondata di infezioni che aveva portato a una parziale chiusura della capitale. Mercoledì 1 luglio è stato riportato un solo nuovo caso conclamato di contagio (più due asintomatici): in tutto sono 328, i casi emersi da una massiccia campagna di tamponi che ha visto testare 7 milioni di persone sui 22 milioni di abitanti della città. Non c'è mai stata una crescita esponenziale di contagi, e non si sono registrati decessi.

Risoluti (anche troppo). Lo scorso 11 giugno la scoperta di nuovi casi di infezione da coronavirus SARS-CoV-2 presso il mercato nel distretto di Fengtai, che rifornisce di prodotti freschi la quasi totalità di Pechino, aveva bruscamente interrotto una scia di 56 giorni senza nuovi episodi di covid nella capitale. La risposta delle autorità è stata tempestiva. Scuole, ristoranti e saloni di bellezza sono stati temporaneamente chiusi mentre è partita una capillare campagna di tamponi e di contact tracing attorno ai casi emersi in 47 vie di 11 distretti della città, che sono stati subito sottoposti a più rigide condizioni di lockdown. Per il timore che il nuovo ceppo potesse essere più aggressivo dei precedenti, a chiunque avesse avuto contatti con persone contagiate è stato chiesto di rimanere in quarantena per 28 giorni, il doppio del tempo massimo in cui si pensa possa avvenire la trasmissione virale.

Un difficile equilibrio. Data la contagiosità del coronavirus SARS-CoV-2 e la prevalenza di casi asintomatici, nuovi focolai di infezione in Cina e nel resto del mondo sono inevitabili, ma la pronta gestione del caso Xinfadi ha scongiurato conseguenze su vasta scala. Una strategia di contenimento così aggressiva non è però priva di conseguenze: economiche - questa volta ad andarci di mezzo è stato il mercato di importazione del salmone, additato come possibile quanto improbabile veicolo di infezione - e sociali. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, misure così draconiane rischiano di provocare l'effetto opposto, e scoraggiare chi dovesse scoprire nuovi focolai dall'avvisare le pubbliche autorità, per timore di nuove chiusure.

6 luglio 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us