Salute

L'influenza dei polli attacca anche i gatti

Il virus dell'influenza aviaria colpisce anche i gatti, ma sembra non trasmettersi poi all'uomo. Dai maiali il rischio più pericoloso per l'uomo.

L'influenza dei polli attacca anche i gatti
Il virus dell'influenza aviaria colpisce anche i gatti, ma sembra non trasmettersi poi all'uomo. Dai maiali il rischio più pericoloso per l'uomo.

Il virus dell'influenza utilizza la cellula ospite per replicare il proprio patrimonio genetico. Se una cellula viene simultaneamente infettata da due ceppi  diversi (genoma blu e genoma arancione a destra e centro), l'RNA virale si ricompone e forma un nuovo virus (genoma blu e arancione, a sinistra). Ciò può avvenire nel maiale che si infetta con i due virus dell'influenza aviaria e umana. Lo stesso sembra non avvenire nei gatti.
Il virus dell'influenza utilizza la cellula ospite per replicare il proprio patrimonio genetico. Se una cellula viene simultaneamente infettata da due ceppi diversi (genoma blu e genoma arancione a destra e centro), l'RNA virale si ricompone e forma un nuovo virus (genoma blu e arancione, a sinistra). Ciò può avvenire nel maiale che si infetta con i due virus dell'influenza aviaria e umana. Lo stesso sembra non avvenire nei gatti.

Dopo aver mietuto 26 vittime tra gli uomini e 200 milioni tra i pennuti, l'influenza degli uccelli (aviaria) torna a far parlare di sé. E a creare qualche apprensione.
Un gruppo di ricercatori olandesi ha infatti scoperto che il virus aviario H5N1, responsabile dell'epidemia di polli, può infettare anche i gatti. Le dimensioni del contagio non fanno temere ancora una strage degli innocenti felini: i casi accertati sono soltanto 6, ma i gatti sono comunque a rischio.
Più complesse le implicazioni dal punto di vista sanitario: i gatti domestici potrebbero diventare un veicolo per trasmettere il virus tra gli allevamenti di pollame e dagli uccelli all'uomo.
Coabitare fa male. Se poi il virus aviario (H5N1) si trovasse a coabitare nella stessa cellula di un gatto infettata anche dal virus dell'influenza umana (H3N2), fra i due virus potrebbe verificarsi uno scambio di materiale genetico e il virus aviario potrebbe diventare infettante per l'uomo. Ma fortunatamente il virus dell'influenza umana non si trasmette abitualmente ai gatti.
Domande da porci. Dobbiamo dunque preoccuparci? Gli esperti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) sono angosciati più che dai gatti, sono angosciati dai maiali. In quest'ultimi, infatti, i due virus, aviario e umano, possono coesistere e scambiarsi i geni che codificano le proteine di superficie (tecnicamente, envelope). Il nuovo virus che ne può derivare sarebbe quasi sconosciuto e molto contagioso e letale.
Le ultime vittime. Proprio nel mese di agosto tre persone sono morte in Vietnam di influenza aviaria. Inoltre le autorità cinesi hanno scoperto in alcuni maiali un ceppo particolarmente aggressivo del virus aviario. Un simile contagio era venuto alla luce anche nel 2001 e nel 2003, ma gli esperti internazionali non se ne erano accorti: le ricerche scientifiche che lanciavano l'allarme erano state pubblicate su riviste scientifiche scritte in cinese. Solo nell'estate di quest'anno sono state presentate in congressi internazionali.

(Notizia aggiornata al 3 settembre 2004)

2 settembre 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us