Salute

L'apparecchio di Malika? Sempre più diffuso, denti cruciali per emissione vocale Meglio non 'strafare', stress e ansia da prestazione penalizzano tecnicismi

I consigli dell'osteopata delle star, cantare col cuore e dietro le quinte meditazione e non bere molto

Milano, 11 feb. (AdnKronos Salute) - Sul palco cantare col cuore privilegiando l'aspetto emozionale ai virtuosismi, difficili da controllare sotto i riflettori di Sanremo. Dietro le quinte riscaldamento vocale, meditazione ed esercizi di concentrazione. Prima di esibirsi evitare di assumere troppi liquidi, di fumare o bere alcol. E come 'ultima cena' in vista della performance "risotto con le pere: è il piatto segreto di molti grandi artisti americani perché entrambi gli ingredienti trattengono molta umidità, riuscendo a lubrificare e a umettare bene le mucose, e favorendo una distribuzione ideale dei liquidi durante la digestione".

Questa la ricetta di un Sanremo vincente 'cucinata' per l'Adnkronos Salute da Valentina Carlile, giovane osteopata milanese che cura la voce con le mani. Una vera autorità in materia: nell'Olimpo della musica sono tante le star internazionali che non possono fare a meno del suo 'fluido'. Solo per fare qualche nome, l'esperta vanta collaborazioni con tour organizzati da stelle del calibro di Madonna, Michael Jackson, Whitney Houston e Lady Gaga. E della serata di apertura del 65esimo Festival della canzone italiana, ieri Valentina non si è persa un minuto. La prima impressione, "sicuramente evidente agli addetti ai lavori al di là dei gusti personali - spiega - è la differenza fra le performance degli artisti abituati da anni a stare sulla scena, e che alle spalle hanno magari anche delle esperienze all'estero, e quelle degli altri", volti giovani più o meno emergenti.

"I cantanti con un vissuto storico - analizza l'osteopata - sono molto più allenati a reggere e gestire la tensione di una vetrina mondiale difficile come quella sanremese", che rischia invece di spiazzare i meno 'scafati' più esposti a "un impatto emozionale enorme". Un'ansia da prestazione che cambia la voce e può tradire: "Diversi studi scientifici hanno rilevato come la frequenza vocale aumenti proporzionalmente allo stress emotivo. Ecco perché prima di esibirsi possono essere molto utili tecniche di training autogeno, meditazione e concentrazione", suggerisce la professionista. Senza dimenticare "la fase di riscaldamento: le ricerche dicono che è molto più utile a chi deve affrontare una singola prestazione, come appunto una canzone nella serata di Sanremo, rispetto a chi deve cantare più brani, per ore, nella tappa di un concerto".

Sanremo, si sa, è un palco che sotto le luci della ribalta non mette solo il brano in gara, ma anche e soprattutto chi lo presenta. "L'attenzione all'immagine è fortissima. Dall'abito, ai capelli e al trucco - prosegue Valentina - tutto viene curato nei minimi particolari come un elemento importante tanto quanto la canzone", e passato 'ai raggi X' da critici musicali, discografici, guru del gossip e grande pubblico.

"Gli artisti meno esperti possono far fatica ad amministrare tutto questo", quindi un altro consiglio dell'osteopata è quello di "cantare facendo più leva sulle sensazioni vissute e comunicate che sui tecnicismi. Meglio non cercarli o comunque non esagerare, perché limitandoli si riesce ad alleggerire il 'carico' che pesa sulle strutture della laringe e sulle altre componenti fasciali coinvolte nell'emissione sonora, e che può compromettere la performance".

La strada verso il 'leoncino' che incorona il vincitore del Festival dei fiori, dunque, passa anche dal genere di canzone con cui un artista decide di partecipare: dal punto di vista della terapista della voce, "sicuramente sono avvantaggiati i brani più leggeri, con meno virtuosismi. Dal palco di Sanremo ne escono meglio e le classifiche della prima serata sembrano confermarlo".

Questo accade da un lato perché "la gente che ascolta deve essere competente per capire appieno il valore di un tecnicismo", dall'altro perché "sotto pressione i virtuosismi sono molto più difficili da controllare. Nella prestazione 'one-shot'", insomma, la voglia di stupire "può giocare brutti scherzi o passare in secondo piano. Canzoni allegre, solari e senza grosse variazioni, anche cantate in un range molto alto, possono quindi dare garanzie maggiori. Se è vero che il brano tecnico può risultare più bello da ascoltare a orecchie esperte, a Sanremo potrebbe essere penalizzato".

E nell'attesa di salire sul palco? Meglio non cedere all'arsura da riflettori, raccomanda l'osteopata della voce. "Anche a causa delle condizioni climatiche caratteristiche dei teatri, dove spesso fa molto caldo e l'ambiente è secco, si tende a bere tanto ma per gli artisti questo è un errore da evitare. Troppa acqua favorisce il reflusso gastro-esofageo che può rendere difficile il controllo del diaframma - avverte l'esperta - Se bevono troppo, infatti, i cantanti rischiano di azionare questo muscolo cruciale in una fase digestiva. Consiglio di idratarsi bene durante la giornata, ma non mentre si aspetta l'esibizione". Per le stesse ragioni, prima di impugnare il microfono "sono da evitare anche l'alcol, le sigarette e il troppo cibo".

Per una prestazione vocale 'doc', "l'ultimo pasto andrebbe consumato 3 o 4 ore prima di entrare in scena. E il risotto con la pera è una ricetta che aiuta". Valentina ha imparato "questo rito" da alcuni suoi pazienti stranieri 'vip' e "poi l'ho consigliato ad altri artisti che assisto. All'inizio l'hanno provato per curiosità - racconta - ma poi hanno confermato che funziona davvero e questo dipende dalle proprietà chimico-fisiche di riso e pera". Però attenzione: "Per aiutare la voce il risotto non va mantecato, perché il formaggio può dare disturbi di acidità e peggiorare il reflusso".

L'ultimo commento è per l'apparecchio 'sfoggiato' in prima serata da Malika Ayane. "Non so se questo sia anche il suo caso - premette l'osteopata - ma i problemi ai denti possono causare variazioni nell'emissione della voce. L'aracata dentale è una struttura articolatoria fondamentale, e correggerne i difetti può aiutare a evitare sovraccarichi e dolori a livello della nuca. Spesso dipendono proprio da uno scorretto allineamento dei denti o da un particolare assetto del complesso maxillo-facciale. In questa zona ci sono tutte le camere di risonanza, e creare gli spazi corretti è importante perché aiuta a cantare meglio e con meno fatica. Durante la performance l'apparecchio può rappresentare un ostacolo, essendo un corpo estraneo. Ma nella maggior parte dei casi si tratta di device con tempi di aggiornamento di 18-24 mesi, che quindi non possono essere tolti per cantare. Negli Usa l'hanno 'sdoganato' molti artisti - testimonia Valentina - e anche in Italia è sempre più diffuso".

11 febbraio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us