Salute

L'Alzheimer, già anni prima della diagnosi, pesa sui conti: aumentano acquisti d'impulso e fuori budget

Ritardi nei pagamenti e spese incongrue si fanno più frequenti mano a mano che la diagnosi di Alzheimer si avvicina: un segnale da non trascurare.

Tra i campanelli d'allarme di una futura possibile diagnosi di demenza potrebbe esserci un cambiamento nel modo in cui si gestiscono conti e finanze. La puntualità nei pagamenti e la capacità di valutare quali spese sono adatte alle proprie tasche parrebbero subire un brusco declino già anni prima della comparsa dei sintomi clinici più lampanti della malattia di Alzheimer.

A dirlo è uno studio condotto da un team di economisti della Federal Reserve Bank di New York e di medici della Georgetown University, non lontano da Washington, D.C.

Controllo incrociato. Gli scienziati hanno confrontato i dati anonimizzati del programma di assicurazione sanitaria federale Medicare con quelli dell'agenzia di controllo credito Equifax: le società di questo tipo raccolgono informazioni sull'attendibilità delle persone nel chiedere un prestito e pagarlo per tempo e sulle possibili inadempienze nei pagamenti (dati che negli Stati Uniti vengono usati dalle banche per decidere, per esempio, se concedere o meno un mutuo).

Meno affidabili. Il team ha ottenuto informazioni sul credito e la salute di circa 2,5 milioni di cittadini statunitensi in età avanzata con malattie croniche, circa la metà dei quali avevano avuto una diagnosi di Alzheimer o di demenze affini. I dati usati per lo studio erano stati anonimizzati, cioè non consentivano in alcun modo di identificare il singolo cittadino.

Dall'analisi è emerso che, un anno prima della diagnosi di Alzheimer, le persone che poi avrebbero ufficialmente sviluppato la demenza avevano il 17,2% di probabilità in più di risultare inadempienti nel pagamento di un mutuo rispetto al passato e il 34,3% in più di essere stati insolventi nei conti della carta di credito.

Ragioni neurologiche. A ben vedere le avvisaglie di un cambio di passo in negativo nella gestione finanziaria iniziano già 5 anni prima della diagnosi di Alzheimer, e si fanno più frequenti ed eclatanti mano a mano che ci si avvicina alla presa di coscienza ufficiale della malattia. Il motivo è scientifico: «Queste alterazioni rispecchiano letteralmente i cambiamenti nel declino cognitivo che stiamo osservando», spiega Carole Roan Gresenz, tra gli autori dello studio.

Decisioni avventate. Non è solo una questione di declino della memoria: come documentato da altri studi e ben noto ai familiari di pazienti con Alzheimer, la malattia altera le capacità decisionali (anche in materia finanziaria) e la propensione al rischio, oltre a modificare alcuni tratti di personalità.

Acquisti impulsivi fuori budget, investimenti rischiosi e non puntualità nel pagare le spese fisse possono dunque manifestarsi ancora prima che la malattia irrompa nella vita dei pazienti, portandosi dietro costi ingenti per l'assistenza delle persone con demenze (quasi del tutto a carico delle famiglie).

Cosa fare di questa scoperta? Da un lato, la ricerca mostra che sarebbe teoricamente possibile sviluppare algoritmi che rivelino anomalie nella storia creditizia nei cittadini e le colleghino al rischio di sviluppare demenze. Dall'altro, se finissero nelle mani sbagliate, questi dati potrebbero essere usati in modo scorretto o pericoloso, per esempio esponendo i pazienti a truffe o discriminandoli nelle possibilità di credito concesse, a fronte di una condizione di salute che non hanno scelto e spesso neppure conoscono ancora.

6 giugno 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us