Salute

Italiani meno impoveriti ma 2,7 milioni rinunciano ancora a cure

Roma, 29 ott. (AdnKronos Salute) - In bancarotta per curarsi? Fortunatamente nel 2013 i fenomeni di impoverimento per spese socio-sanitarie 'out of pocket' (sostenute direttamente dalle famiglie) e spese 'catastrofiche' (cioè improvvise ed elevate) si sono ridotti: quasi 100.000 famiglie in meno risultano impoverite e 40.000 in meno soggette a spese catastrofiche; ma è un miglioramento illusorio: 1,6 milioni di persone in meno hanno sostenuto spese socio-sanitarie 'out of pocket' e più di 2,7 milioni hanno rinunciato a priori a sostenerle per motivi economici (2012). E per il 2014 si registra deciso aumento della spesa sanitaria out of pocket (+14,5%), che potrebbe peggiorare ancora la situazione. Lo evidenzia l'11° Rapporto Sanità a cura di Crea Sanità - Università Tor Vergata Roma, presentato oggi.

Sono chiamate a rinunciare prevalentemente le famiglie dei quintili medio-bassi, che spendono soprattutto per farmaci, visite ed esami diagnostici (80-90% delle spese socio-sanitarie out of pocket ). Si desume che il Ssn, a fronte di rischi di razionamento, ha preferito (con successo) salvaguardare le fasce più disagiate, a discapito però della classe media. Il mantenimento dei servizi non implica quindi la salvaguardia di un universalismo equilibrato: il non aggiornamento dei sistemi di esenzione e compartecipazione, pur salvaguardando le fasce meno abbienti, sembra penalizzare sempre più la classe media. Secondo il report, inoltre, la spesa sanitaria italiana è molto più bassa che negli altri Paesi europei: è inferiore a quella dei Paesi Eu14 del 28,7%, e la forbice (anche in percentuale del Pil) si allarga anno dopo anno. Non può quindi essere una preoccupazione il livello della spesa, secondo gli esperti di Tor Vergata.

Ancora, la quota di popolazione che dichiara di avere patologie di lunga durata o problemi di salute è in Italia inferiore a quella degli altri Paesi europei: buon livello di salute e basso livello di spesa confermerebbero l'efficienza della sanità italiana. Ma stiamo velocemente perdendo il nostro vantaggio in termini di salute; e il processo di convergenza sui livelli (peggiori) degli altri Paesi sembra avere accelerato negli ultimi 10 anni, quelli del risanamento finanziario. In particolare sembra più colpita la classe media, che evidentemente risente maggiormente della crisi e degli aumenti delle compartecipazioni.

L'Italia sembra aver destinato il 3,7% della spesa pubblica corrente a programmi di prevenzione e salute pubblica nel 2013, stando ai dati Oecd (rettificando in qualche modo il dato dello 0,5% diffuso lo scorso anno): una percentuale maggiore di diversi altri Paesi, ma certamente insufficiente; considerando il valore pro-capite, infatti, la spesa per la prevenzione in Italia, sempre secondo Oecd, sarebbe pari a 66,3 euro contro 99,5 in Germania e 131 in Svezia.

Dell'insufficienza degli investimenti nel settore negli anni passati è prova che nel 2014, a livello nazionale, la copertura per le vaccinazioni pediatriche si conferma non aver raggiunto il 95% (soglia minima raccomandata nel Piano nazionale della prevenzione vaccinale) per nessuno degli antigeni previsti, con difformità a livello regionale, e che le politiche sugli stili di vita sono praticamente ferme.

29 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us