Salute

Gli effetti dell'ipnosi si vedono nel cervello

E sono reali: secondo uno studio, c'è un reale cambiamento nell'attviità cerebrale di chi è in trance.

Nonostante non goda di buona fama, per i suoi trascorsi talvolta legati alla ciarlataneria, l’ipnosi è utilizzata in medicina, dove ha dimostrato di funzionare nel controllo e nel trattamento del dolore. Ma anche tra i medici c'è diffidenza, probabilmente per il fatto che non si è ancora ben compreso che cosa sia esattamente: è uno stato fisiologico a sé? Una particolare modalità di funzionamento del cervello? Solo un’illusione generata dalle aspettative?

Uno studio porta ora nuovi dati a sostegno dell'ipotesi che il cervello ipnotizzato abbia davvero un’attività distinta e caratteristica rispetto a quella del normale stato di veglia.

Attenzione, concentrazione. Le ricerche hanno già dimostrato che l’ipnosi non ha niente a che vedere con il sonno o con il sonnambulismo. Non è uno stato alterato della coscienza e le persone sotto ipnosi sono perfettamente in grado di intendere e volere, hanno semplicemente l’attenzione molto focalizzata su qualcosa, uno stato simile a quello di quando ci si trova così assorbiti in un’attività da dimenticare quasi il mondo esterno.

Ipnotizzabili e non. Per l’esperimento, un gruppo di ricercatori dell’Università di Stanford, ha sottoposto 500 persone a test per misurare il loro grado di ipnotizzabilità, che è molto variabile da un individuo all’altro: il 10-15 per cento ottiene punteggi alti che lo fanno definire “altamente ipnotizzabile”, un altro 10-15 per cento “scarsamente o per niente” ipnotizzabile e il resto lo è in misura intermedia.

Tra queste persone ne sono state selezionate 36 altamente ipnotizzabili e 21 che non lo erano per niente. Tutti sono stati sottoposti alle classiche procedure di induzione dell’ipnosi – di solito si tratta della lettura di un testo in cui si danno istruzioni precise su che cosa immaginare – mentre il loro cervello veniva analizzato con la risonanza magnetica funzionale. Tra il gruppo degli ipnotizzabili e quello dei non ipnotizzabili sono poi state osservate le differenze nell’attività del cervello.

Gli autori dello studio hanno individuato alcuni cambiamenti specifici nei soggetti ipnotizzabili rispetto a quelli non ipnotizzabili nelle aree dedicate all’attenzione, al controllo del movimento e alla coscienza dell’ambiente.

Differenze nel cervello. Secondo loro, la diversa attività in queste aree spiegherebbe proprio le caratteristiche dello stato di ipnosi, in particolare l’intensa concentrazione, la mancanza di autocoscienza e la suggestionabilità. Si tratterebbe insomma non di una sorta di illusione indotta dall’aspettativa, ma di sensazioni indotte da un cambiamento vero e proprio nella fisiologia del cervello. In altre parole ancora, gli effetti dell’ipnosi non sarebbero immaginati ma reali.

12 agosto 2016 Chiara Palmerini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us