Salute

Intervento tardivo nel 70% dei casi, in arrivo il farmaco che si 'inspira'

Dall'irrequieto a chi spacca tutto, anche alcol e droghe scatenano il 'tilt' psicomotorio

Vienna, 30 mar. (AdnKronos Salute) - "La marea monta piano piano" e sfocia in una crisi esplosiva, che da semplice irrequietezza, violenza verbale o agitazione può diventare aggressività distruttiva, pericolosa per se stessi e per gli altri, e in casi estremi addirittura potenzialmente mortale. Gli psichiatri la chiamano agitazione psicomotoria e calcolano che a rischiarla siano circa 500 mila italiani ogni anno considerando tutte le forme, da molto lievi a molto gravi. "Colpisce in particolare pazienti affetti da una malattia mentale, ma non solo: può essere scatenata anche dall'abuso di alcol e droghe, cannabis ma soprattutto ecstasy e sostanze anfetamino-simili". Dipendenze in crescita. A lanciare l'Sos è Emilio Sacchetti, presidente della Sip (Società italiana di psichiatria), in occasione di un simposio organizzato a Vienna nell'ambito del 23esimo Congresso dell'Epa, l'Associazione europea di psichiatria.

Una diagnosi certa è possibile solo in centri specializzati e qualificati, avvertono gli esperti: l'agitazione patologica è riferibile a un disturbo psicotico (schizofrenia o sindrome bipolare) nel 35% dei casi, a disturbi dell'umore nel 29%, a quelli d'ansia in oltre il 20%, a disturbi di personalità nel 17% e nel 14% dei casi ad abuso e dipendenza. A volte rappresenta un campanello d'allarme che porta alla diagnosi di una patologia sconosciuta. Ma possono pesare anche problemi neurocognitivi, demenze comprese, alcuni disturbi del sonno, tumori cerebrali o altre malattie neurologiche, traumi cranici. Ad accendere la miccia possono esserci fattori individuali o relazionali, però sono determinanti i fattori ambientali: il contesto circostante diventa intollerabile a causa di richieste pressanti e continue di performance o aspettative, la psiche non regge e va 'in tilt'. (segue)

In caso di crisi l'agitazione psicomotoria richiede interventi immediati, che spettano soprattutto ai pronto soccorso e ai servizi psichiatrici ospedalieri. Ma nella realtà spesso si arriva tardi: solo il 30% dei pazienti riceve assistenza entro 24 ore dai primi sintomi, mentre nel 41% dei casi l'intervento scatta anche 7 giorni dopo. Con un grave danno per la persona, che nel frattempo può farsi o fare del male. Non solo: nei casi più gravi le manifestazioni dell'attacco contribuiscono ad alimentare lo stigma e i pregiudizi nei confronti dei disturbi mentali e di chi ne soffre.

"L'agitazione psicomotoria - precisa Sacchetti - è uno stato che può essere prevenuto e controllato. La strategia di cura comprende l'offerta di un ambiente protetto e silenzioso, con luce bassa e senza stimoli esterni, e l'assistenza da parte di personale preparato, disponibile ed empatico. Assolutamente da evitare a casi estremi il ricorso alla contenzione fisica, l'ultima spiaggia per l'inevitabile sentimento di violenza subito che genera nel paziente e può compromettere i tempi di risposta clinica e il rapporto di fiducia con medici e infermieri".

Sul fronte dei farmaci, i più usati sono antipsicotici e benzodiazepine che oggi vengono spesso somministrati per via iniettiva. Ma a volte è un'impresa, considerata la violenza degli attacchi più gravi. Una novità è all'orizzonte: per l'inizio del 2016 l'antipsicotico loxapina sta per arrivare in Italia in una formulazione inalatoria per bocca.

30 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us