Salute

Gli interventi vanno meglio se il chirurgo è donna

La convalescenza fila più liscia e con un rischio minore di complicazioni se a operare i pazienti è stata una donna: merito dei tempi (lenti) in sala.

I mesi successivi a un intervento di chirurgia trascorrono con meno intoppi, se a operare è stata una donna: è quanto indicato da due diversi studi, che potrebbero offrire spunti di riflessione ai chirurghi maschi ma anche ai pazienti. Due gruppi di medici e scienziati di Canada e in Svezia hanno analizzato i dati di oltre un milione di pazienti in due diversi database, e scoperto che coloro che si erano affidati sotto a un chirurgo donna avevano avuto esiti migliori, con meno complicanze nel periodo post-operatorio.

Meno inconvenienti. Nel primo lavoro, un'equipe guidata da Christopher Wallis, chirurgo del Mount Sinai hospital di Toronto (Canada) ha passato in rassegna necessità mediche, riammissioni in ospedale e decessi di quasi 1,2 milioni di pazienti che erano stati sottoposti a 25 diversi tipi di operazioni al cuore, al cervello, alle ossa, a vari altri organi e vasi sanguigni tra il 2007 e il 2019. A 90 giorni dagli interventi, il 13,9% dei pazienti operati da un chirurgo uomo aveva avuto un evento avverso post-operatorio. Per i pazienti trattati da un chirurgo donna la percentuale era inferiore (12,5%).

Più sani, più a lungo. Anche dopo un anno, le persone che erano state operate da una donna risultavano più in salute: a quel punto aveva registrato un evento avverso post-operatorio il 20,7% dei pazienti, contro il 25% del gruppo trattato da maschi. Inoltre, si legge nello studio pubblicato su JAMA Surgery, chi era stato operato da chirurghi uomini aveva il 25% di probabilità in più di essere deceduto a un anno dall'operazione rispetto a chi era finito nelle mani di un chirurgo femmina.

Chi va piano... Il secondo lavoro, pubblicato sulla stessa rivista scientifica, è arrivato a una conclusione analoga dopo aver analizzato i dati di circa 150.000 pazienti svedesi sottoposti ad asportazione della cistifellea. Chi era stato operato da una donna ha riportato meno complicazioni ed è stato dimesso prima rispetto a chi era stato trattato da uomini. La ricerca offre anche una possibile spiegazione: le chirurghe tendevano a operare più lentamente e passavano con meno frequenza da interventi mini invasivi a operazioni a cielo aperto.

Tutto il tempo che serve. Sembrerebbe che i chirurghi donna si prendano più tempo per intervenire e si muovano con più calma in sala. Anche se si tratta di deduzioni tratte da studi osservazionali, dunque da interpretare con cautela, le differenze osservate potrebbero dipendere dalla tecnica chirurgica e da una minore propensione al rischio.

Qualcosa da imparare. Wallis, autore del primo studio e chirurgo a sua volta, ritiene che queste conclusioni rappresentino per sé e i colleghi un'opportunità di riflessione. E che a maggior ragione sia necessario rimuovere gli ostacoli che impediscono ai bravi chirurghi donna di far carriera. «In alcuni Paesi c'è questa convinzione che i chirurghi maschi siano superiori ai chirurghi femmine» dice. «Invece, è interessante che la maggior parte degli studi in precedenza pubblicati indichino che le chirurghe sono brave almeno quanto i colleghi, se non addirittura di più». 

1 settembre 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us