Salute

Intervenire su altre voci spesa pubblica e abolire vitalizi

Roma, 27 lug. (AdnKronos Salute) - "Ricordiamo che proprio in queste ore, all'interno del Dl sugli enti locali sono stati depositati dal Governo emendamenti che prevedono il taglio di 5 miliardi di euro al finanziamento del Ssn per gli anni 2015 e 2016, e che si sommano ai circa 24 miliardi di euro di tagli al Ssn accumulati con le molteplici manovre dal 2011 in poi. Parliamo di un taglio di circa 30 miliardi in 6 anni". Queste le dichiarazioni di Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva, in merito all'annuncio di possibili ulteriori tagli alle risorse destinate al Ssn.

"Il livello di finanziamento, e quindi di investimento dello Stato, per il servizio sanitario pubblico e per la salute dei cittadini - evidenzia - non può e non deve più subire ulteriori tagli lineari. Ben vengano invece tutte quelle misure volte a qualificare la spesa sanitaria, contrastando le inefficienze e gli sprechi in sanità, e che migliorano la qualità e l’accessibilità ai servizi resi ai cittadini".

"Tutte le risorse che si riescono a recuperare, il ministro Lorenzin parla di 10 miliardi - aggiunge - devono rimanere all'interno del Ssn ed essere utilizzate per eliminare innanzitutto le attuali 'tasse' sulla salute che pesano sulle tasche dei cittadini, aumentare l’accessibilità alle prestazioni pubbliche, garantire un maggior e più equo accesso alle vere innovazioni terapeutiche, come ad esempio quelle per l'epatite C. Già esistono infatti vere e proprie tasse sulla salute, che ostacolano l'accesso al servizio sanitario pubblico, agevolano il sistema privato e stressano i redditi delle famiglie, e che chiediamo vengano eliminate con i risparmi realizzati dal Ssn. Si tratta di superticket di 10 euro sulla ricetta, che per essere eliminato richiederebbe circa 800 milioni di euro; della tassa occulta e odiosa per pagare prestazioni in intramoenia e privato al fine di aggirare le liste di attesa; delle aliquote Irpef altissime che gravano sui cittadini per ripianare il debito sanitario nelle regioni in Piano di rientro".

Secondo i dati della Conferenza delle Regioni, il Fondo sanitario nazionale è sottofinanziato di almeno 18 miliardi rispetto alla media degli altri Paesi Ocse, e di circa 30 miliardi rispetto a Francia e Germania. Continuare a tagliare i fondi per il Ssn "vuol dire mettere a serio rischio l'erogazione dei Livelli essenziali di assistenza, garantiti oggi solo in alcune Regioni, e aumentare la quota di cittadini che rinuncia a curarsi, che oggi è pari al 9,5% della popolazione secondo il Rapporto annuale Istat 2015", prosegue Aceti.

"Se il Governo vuole ridurre le tasse senza diminuire, ma anzi migliorando, i servizi per i cittadini, a partire da quelli sanitari e sociali - conclude - dovrebbe dedicare la stessa attenzione finora riservata al Ssn anche ad altre voci di spesa pubblica delle Istituzioni nazionali e locali.

Pensando alle sole spese regionali non sanitarie oggi si potrebbero razionalizzare con la spending review circa 44 miliardi di euro (spese correnti non sanitarie annue), che comprendono consulenze esterne, acquisto di beni e servizi, aziende regionalizzate, municipalizzate, consortili, eccetera. Solo abolendo i vitalizi degli ex consiglieri regionali si recuperano 170 milioni di euro l'anno, come abbiamo recentemente ricordato nella campagna per la loro abolizione 'Il vitalizio nuoce gravemente a..'".

27 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us