Focus

Sopravvivere in casa al tempo del coronavirus Vai allo speciale

Insonnia? Metti l'odore del partner sul cuscino

Se l'ora legale, il jet leg o solo tanto stress vi causano insonnia, provate a seguire il consiglio di un gruppo di ricercatori canadesi. Vale solo per chi ha un partner, però...

Insonnia? Metti l'odore del partner sul cuscino
| Schutterstock

Che sia il cambio di orario per l'ora legale o per il jet leg, o solo tanto stress, l'insonnia è un tormento. Ma se non funzionano valeriana e melatonina, esercizi rilassanti e respiri profondi, e nemmeno le care e vecchie pecorelle da contare, provate con ciò che suggerisce un esperimento di un gruppo di ricercatori dell'Università della British Columbia (Canada). Secondo lo studio canadese, usare come federa una maglietta usata dal partner può garantire un sonno migliore... Attenzione però, il rimedio, omeopaticissimo, è consigliato solo chi ha una serena relazione amorosa col partner. In caso contrario potrebbe sortire l'effetto opposto.

 

Focus 330
Leggi Focus 330, in edicola e in digitale | Focus

Magliette e placebo. Per l'esperimento, i ricercatori hanno chiesto a un campione di uomini e donne di indossare una T-shirt di cotone per un giorno. I volontari potevano fare la loro vita di sempre, tranne svolgere pesante esercizio fisico o mangiare cibi ricchi di spezie (per non dare più odore al sudore). Dopodiché gli scienziati hanno messo sottovuoto le magliette.

 

A distanza di pochi giorni gli studiosi hanno contattato i partner dei volontari. Ad alcuni hanno dato la maglietta usata, ad altri invece una T-shirt che non aveva indossato nessuno. A tutti hanno detto di avvolgerla attorno al cuscino per dormire la notte.

Sogni d'oro. Infine, hanno misurato, con un apparecchio apposito, la qualità del sonno dei partecipanti e hanno rilevato che in media la maglia del partner regalava nove minuti in più di sonno, poiché c'erano meno microrisvegli. Insomma, il sonno era meno agitato rispetto alle notti standard. Provare per credere...

 

30 marzo 2020 | Raffaella Procenzano