Salute

Inquinamento e antibiotico-resistenza: una relazione pericolosa

Un'analisi mostra come all'aumentare dei livelli di inquinamento atmosferico corrisponda un aumento dell'antibiotico resistenza. Ma non è dimostrato un nesso di causalità.

L'inquinamento e l'antibiotico-resistenza sono due tra le maggiori minacce alla salute umana: ora uno studio pubblicato su Lancet Planetary Health Journal ha scoperto che, in combinazione, sono ancora più pericolose. Dati raccolti per quasi vent'anni in oltre cento Paesi in tutto il mondo rivelano infatti che un aumento nell'inquinamento atmosferico, in particolare di polveri sottili (PM2,5, particelle sospese nell'aria con dimensioni minori o uguali a 2,5 micron, 2,5 millesimi di millimetro), è connesso a un aumento dell'antibiotico-resistenza in ogni continente.

Lo studio. I dati raccolti riguardano la diffusione di PM2,5 in 116 Paesi dal 2000 al 2018, ed evidenziano come le polveri sottili possano contenere batteri antibiotico resistenti e geni resistenti, che possono essere trasportati tra diversi ambienti ed essere inalati direttamente dagli umani. In particolare quanto scoperto indica che l'antibiotico-resistenza è aumentata dell'1,1% per ogni 10% di incremento nella presenza di PM2,5, e che l'associazione si è ulteriormente rafforzata negli ultimi anni.

Una ragione di più. L'antibiotico-resistenza, scatenata principalmente dal cattivo uso e l'abuso degli antibiotici, colpisce persone di qualunque età e uccide 1,3 milioni di persone l'anno; l'esposizione a lungo termine ad aria inquinata è associata con lo sviluppo di malattie croniche cardiache, con l'asma e con il cancro ai polmoni. È chiaro dunque che abbiamo ora un motivo in più, se ce n'era bisogno, per cercare di ridurre l'inquinamento atmosferico.

Scenari futuri. Se nulla cambierà e l'inquinamento atmosferico continuerà a crescere, entro il 2050 i livelli di antibiotico-resistenza nel mondo potrebbero aumentare del 17%, il che significa che le morti premature connesse a questo fenomeno potrebbero salire a 840.000 l'anno.

Gli stessi autori riconoscono comunque alcune limitazioni dello studio: tra tutte, il fatto che la mancanza di dati in alcuni Paesi potrebbe aver influito sull'analisi generale e che lo studio è stato osservazionale, e quindi non dimostra alcun legame di causa effetto ma si limita a constatare un'associazione tra due fenomeni.

9 settembre 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us