Salute

Inghilterra, sì a bambini con DNA di tre persone

Via libera alla tecnica di fecondazione in vitro che sostituisce il DNA mitocondriale "difettoso" della madre con quello di una donatrice. Le cliniche potranno fare domanda per applicarla.

L'Autorità britannica per la fertilizzazione e l'embriologia (HFEA) ha dato il via libera definitivo a una tecnica di fecondazione in vitro che potrebbe evitare ad alcune famiglie di trasmettere malattie genetiche ereditarie al nascituro.

La tecnica è controversa perché prevede il ricorso a tre donatori: gli spermatozoi del padre, la cellula uovo della madre e la cellula uovo di una donatrice. Ora le cliniche britanniche che volessero applicarla potranno fare domanda per ottenere il permesso ufficiale.

Eredità scomoda. Alcune malattie genetiche sono trasmesse dalla madre al feto attraverso il DNA mitocondriale. I mitocondri sono le "centrali energetiche" delle cellule e hanno un corredo di 37 geni che ereditiamo direttamente per via materna. La tecnica approvata nel Regno Unito prevede di fertilizzare sia la cellula uovo della madre, sia quella della donatrice, con gli spermatozoi maschili.

Come funziona. A questo punto, prima che gli ovuli fertilizzati inizino la divisione cellulare, i nuclei di entrambi vengono rimossi, e quello della donatrice scartato e sostituito con quello della madre, che porta il cuore del DNA del nascituro, quello nucleare. Il bambino erediterà così un DNA mitocondriale sano. Ma la procedura, che ha già generato almeno un bambino sano, in Messico, comporta anche alcuni limiti etici, primo tra tutti quello di generare un neonato con i cromosomi di tre persone.

I dubbi. Recenti lavori hanno evidenziato la possibilità che alcuni mitocondri "difettosi" del DNA materno arrivino al feto assieme al DNA nucleare, e che quindi la tecnica possa non essere del tutto efficace. Intanto l'Università britannica di Newcastle, in prima linea su queste ricerche, ha annunciato che chiederà di poter applicare la procedura su un numero selezionato di 25 coppie, e che si impegnerà a monitorare i bambini nati in questo modo nel lungo periodo.

17 dicembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us