Salute

Influenza: perché si diffonda è sufficiente respirare

Tosse e starnuti non sono indispensabili per favorire i contagi: aerosol carichi di materiale virale si propagano anche soltanto attraverso l'aria espirata.

Spesso si pensa che siano gli starnuti improvvisi o la tosse insistente di alcuni "untori" a diffondere il virus dell'influenza. Anche, ma non solo: secondo uno studio dell'Università del Maryland è sufficiente respirare per favorire la circolazione dei patogeni.

Le persone contagiate emettono aerosol infettivi (minuscole goccioline disperse in gas, che rimangono a lungo nell'aria) anche senza tossire o starnutire, soprattutto nei primi giorni di malattia. Ecco perché sarebbe meglio si isolassero per qualche tempo da contesti in cui potrebbero venire a contatto con altre persone.

Respira qui. I ricercatori hanno catturato e analizzato campioni di virus influenzale di 142 volontari con influenza stagionale in corso, e più precisamente l'aria espirata nell'arco di 30 minuti, quella emessa in mezz'ora di discorsi parlati e quella prodotta mentre starnutivano o tossivano spontaneamente. In totale sono stati prelevati 218 campioni di questo tipo, confrontati con altrettanti tamponi nasofaringei.

Basta poco. Il 48% dei campioni di aerosol emessi in assenza di tosse o starnuti (11 su 23) contenevano RNA virale, e 8 di questi 11, il virus infettivo. Tossire quindi non è necessario, per espandere l'epidemia: basta respirare.

Inoltre, i pochi campioni di starnuti analizzati - perché starnutire "a comando" non è facile - non hanno mostrato una maggiore concentrazione di virus rispetto al semplice fiato.

Ai ripari. Oltre alle comuni precauzioni per cercare di non ammalarsi - lavare spesso le mani e le superfici, evitare di stare accanto a colleghi influenzati - sarebbe bene, conclude lo studio, migliorare i sistemi di ventilazione di scuole, uffici e ospedali. E lasciare che chi prende l'influenza, almeno nei primi giorni, possa restare a casa.

19 gennaio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us